Wolfear «Sail Into The Black» (2016)

Wolfear «Sail Into The Black» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
12.09.2016

 

Visualizzazioni:
1015

 

Band:
Wolfear
[MetalWave] Invia una email a Wolfear [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Wolfear [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Wolfear [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Wolfear [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di Wolfear

 

Titolo:
Sail Into The Black

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Nicola Fiorillo :: Guitars
Rolando Manzione :: Drums
Michele Gigantino :: Bass
Simone Ulino :: Vocals, Guitars

 

Genere:
Thrash-Groove Metal

 

Durata:
21' 47"

 

Formato:
EP

 

Data di Uscita:
19.03.2016

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Stupisce in positivo il debutto discografico dei Salernitani da Eboli Wolfear, che ci propongono un succoso Ep di poco meno di 22 minuti di un mix tra groove e thrash metal, con un grosso accento sulla parola metal e che colpisce nelle prima canzoni per l’impatto, che li fa avvicinare ad una band che flirta con l’hardcore ma sorprendentemente più agile di altre e con un tiro potente e sempre sostenuto ma mai esagerato, mentre nella seconda parte (direi dalla terza canzone in poi) la band aumenta la sua componente metal con un chitarrista che fa davvero la parte del mattatore con uno stile né troppo statico tipico dell’hardcore, né troppo complesso, e questo alza ancora il tiro dell’Ep, con il grosso plusvalore dato dalla title track, che mostra anche cosa sanno fare i Wolfear quando vanno sulle parti arpeggiate e su quelle sospese, con una conclusione del brano da urlo e con tanto di assolo del chitarrista, sempre in prima linea in quanto a efficienza. Conclude una bonus track diversa e molto più melodica tranne che nel ritornello, bella ma un po’ fuori contesto, ma direi che come bonus track ci sta.
In conclusione: “Sail into the black” dei Wolfear per me è un debutto coi fiocchi che scorre liscio come l’olio. È facile in questo genere musicale rovinare tutto con qualche esagerazione, tipo troppi ritocchi al pro tools, troppo trigger, troppa tecnica, troppa modernità e troppo “core”, ma i Wolfear mischiano tutto alla perfezione con una qualità sonora calda e molto autentica. Un disco che consiglio caldamente agli amanti dei Southern Metal e Rock, del groove metal e anche agli appassionati dei generi che finiscono per “core” più orientati verso il metal. Per tali fasce di pubblico, per me “Sail into the Black” è da avere. E ora scusate, vado a risentirlo da capo!

Track by Track
  1. My Truth 80
  2. Conspiracy of silence 80
  3. Oath of Destruction 85
  4. Sail into the black 80
  5. Beyond the line 80
  6. Dear Enemy (2014 Studio version) 80
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 80
  • Originalità: 85
  • Tecnica: 85
Giudizio Finale
82

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 12.09.2016. Articolo letto 1015 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.