Selva «Eléo» (2016)

Selva «Eléo» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
10.07.2016

 

Visualizzazioni:
2408

 

Band:
Selva
[MetalWave] Invia una email a Selva [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Selva

 

Titolo:
Eléo

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- GINO :: bass, vocals;
- ALE :: guitar, vocals;
- TOMMY :: drums;

 

Genere:
Post-Black Metal / Post Rock

 

Durata:
31' 47"

 

Formato:
EP

 

Data di Uscita:
11.06.2016

 

Etichetta:
Overdrive
[MetalWave] Invia una email a Overdrive [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Overdrive [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Overdrive

 

Distribuzione:
Goodfellas
[MetalWave] Invia una email a Goodfellas [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Goodfellas [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Goodfellas

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Secondo lavoro in formato Ep ed intitolato “Eléo” per la post black metal lombarda dei Selva, già nota per essersi messa in evidenza a seguito dell’uscita del suo primo lavoro ben acclamato dalla scena underground italiana ed internazionale; la band torna oggi per stupirci con una lacerante quanto aggressiva sonorità al limite del tollerabile. Considerando la quasi totale assenza di fenomeni melodici all’interno di questi quattro brani, si assiste prevalentemente ad una sorta di agguerrita risoluzione scream per la parte cantata, mentre per quanto attiene al sound si ha una sonorità decisamente oscura e tagliente che in definitiva, considerando la valenza di qualche inserimento classico nel brano “Alma”, probabilmente il migliore sotto il profilo compositivo-creativo per questo Ep, per il resto, nonostante l’apprezzabile espressività, risulta un po’ troppo generico. Il primo brano “Soire” è un lunghissimo scream supportato da una repentina quanto monotona andatura black metal tirata al massimo delle possibilità che dopo poco rende noioso l’ascolto; “Indaco”, altra cavalcata black metal decisamente pregna di cattiveria ma anche di monotonia sonora che sostanzialmente, poco o nulla lascia nella mente dell’ascoltatore una volta esauritasi; il conclusivo strumentale “Nostalgia”, con un approccio più umano, scandisce, seppur quasi a stento, una melodia su base moderata ma pur sempre nebulosa all’ascolto. Un lavoro che indubbiamente la band ha voluto realizzare concentrandosi più che altro su contesti sinistri e oscuri forse sin troppo esasperati, che a conclusione dell’ascolto lasciano un po’ l’amaro in bocca.

Track by Track
  1. Soire 50
  2. Alma 60
  3. Indaco 55
  4. Nostalgia 55
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 55
  • Qualità Artwork: 60
  • Originalità: 50
  • Tecnica: 50
Giudizio Finale
55

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 10.07.2016. Articolo letto 2408 volte.

 

Articoli Correlati

News
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.