Wicked Asylum «Rebirth» (2016)

Wicked Asylum «Rebirth» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
18.06.2016

 

Visualizzazioni:
1665

 

Band:
Wicked Asylum
[MetalWave] Invia una email a Wicked Asylum [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Wicked Asylum [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Wicked Asylum

 

Titolo:
Rebirth

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Banshee :: Vox
Cioppa :: Drums
Luna :: Guitars
Fade :: Lead Guitars
Vale :: Bass

 

Genere:
Hard Rock / Heavy Metal

 

Durata:
12' 46"

 

Formato:
EP

 

Data di Uscita:
2016

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

L’Ep di debutto delle Wicked Asylum, band femminile da Como, condensa meno di 13 minuti in 3 tracce di quello che potremmo definire un rock/metal gradevole ma anche molto scolastico e canonico.
Non è facile definire il sound della band da una così breve durata di questo “Rebirth”, ma “In my soul” descrive abbastanza bene come suonano le WA, con un ritornello non male, ma con tutto il resto un po’ generico, specialmente per quel che riguarda linee vocali e assoli di chitarra, formalmente ben fatti ma che suonano molto già sentiti, e più o meno lo stesso discorso si può fare per “Silent Watchers”, dove una maggiore compattezza non è bilanciata da un riff iniziale, di nuovo, generico e già sentito. Certo, c’è una buona fuga finale, ma non dura molto. Non ho invece apprezzato la ballad “Hellbound”, in quanto la voce continua a usare sempre lo stesso range di note senza mai cantare più basso (in questo brano ci poteva stare), ho qualche dubbio sul fatto che le percussioni di questo brano siano autentiche, e infine mi rendo conto che il brano è una ballad, ma detta francamente il brano annoia un po’, forse perché anche qui tutto è generico.
Essendo il primo Ep della band, ed essendo il minutaggio breve, nel bene e nel male non possiamo allontanarci molto dal 6 politico, ma ciò non toglie che le Wicked Asylum sono una band come tante altre, che fa musica gradevole ma anche dimenticabile dopo poco, a causa di una personalità musicale troppo persa negli stereotipi del genere.

Track by Track
  1. In my soul 65
  2. Hellbound 55
  3. Silent watchers 65
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 65
  • Qualità Artwork: 60
  • Originalità: 55
  • Tecnica: 65
Giudizio Finale
61

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 18.06.2016. Articolo letto 1665 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.