Neid «Atomoxetine» (2016)

Neid «Atomoxetine» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
17.06.2016

 

Visualizzazioni:
1112

 

Band:
Neid
[MetalWave] Invia una email a Neid [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Neid [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Neid [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Neid

 

Titolo:
Atomoxetine

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Il Socio :: Bass
Capò :: Drums
Angelo Vernati :: Guitars
Giacomino :: Guitars
Guru Renato :: Vocals

 

Genere:
Grindcore

 

Durata:
18' 50"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
08.07.2016

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Grand Sounds PR
[MetalWave] Invia una email a Grand Sounds PR [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Grand Sounds PR [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Grand Sounds PR

 

Recensione

Il secondo album dei Viterbesi Neid consiste di 14 tracce per neanche 19 minuti di musica. E certo: si tratta di qui di Grindcore sparato a mille, la cui durata delle canzone spessissimo non va oltre i due minuti.
Ed è un problema questo? Ma anche no, visto che qui la brutalità e la violenza musicale sopperiscono alla scarsa durata, inondando l’ascoltatore di mazzate che vanno dalla sorprendentemente varia “Painting Death” alla furiosissima “Virtual Shape”, passando per le puntate slam e hardcore di “Saturated Child”, ma anche nel massiccio groove di “New threat”. In brani come questi, ma anche in altri di quest’album, i Neid riescono a variare le loro canzoni quel tanto che basta per renderle non certo tutte uguali, eppure con una potenza e un’efficacia sonora davvero non male, dove a imporsi è l’opprimente “Pay Indipendently!”, che con un riff dissonante per buona parte del brano dona un’atmosfera inquieta e minacciosa.
Insomma: certo, la durata dell’album è concisa, forse anche un po’ troppo, ma comunque ci accontentiamo e consigliamo questo album dei Neid agli amanti del Grind/HC italiano. Bella prova.

Track by Track
  1. Continuous use - Intro S.V.
  2. Painting Death 75
  3. The Failure 70
  4. Virtual shape 75
  5. Saturated Child 75
  6. Atomoxetine 70
  7. New threat 75
  8. Vultures of incorporation 75
  9. Pay Independently! 75
  10. I hate work (Feat. Dave) 70
  11. Satisfy my hunger 70
  12. Restore the judgement 70
  13. Memory may kill the need 70
  14. Breed To Breed - Bonus Track LIVE 70
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 75
Giudizio Finale
72

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 17.06.2016. Articolo letto 1112 volte.

 

Articoli Correlati

News
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.