The Orange Man Theory «Riding a Cannibal Horse from Here to...» (2006)

The Orange Man Theory «Riding A Cannibal Horse From Here To...» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Ernando »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
881

 

Band:
The Orange Man Theory
[MetalWave] Invia una email a The Orange Man Theory [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di The Orange Man Theory [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di The Orange Man Theory [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di The Orange Man Theory [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di The Orange Man Theory [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di The Orange Man Theory

 

Titolo:
Riding a Cannibal Horse from Here to...

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Gianni - Samples,Vocals and Lyrics
Gabbo - Guitars,Backing Vocals
Merendina - Drums,Claps
Doc. Remo – Bass,Backing Vocals

 

Genere:

 

Durata:
30' 22"

 

Formato:

 

Data di Uscita:
2006

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Il primo ascolto superficiale del primo pezzo dei The Orange Man Theory me li aveva fatti catalogare erroneamente come una semplice band metal core: mai sbaglio fu così grossolano! Sono molto più articolati e la loro musica affonda le radici nei generi più disparati, così come ho letto susseguentemente nella loro bio; e vi posso assicurare che non sempre (quasi mai) le bio di parte sono del tutto oggettive come in questo caso. Quindi, il loro sound “è un ibrido di generi e attitudini che vanno dal metal core alla surf-music, dal death metal scandinavo all’indie-rock di stampo britannico, dal noise rumorista al rock americano anni ‘70”. E ciò lo si nota nelle soluzioni vocali, che toccano delle linee ora urlate ora chiare e melodiche; negli arrangiamenti, che donano fluidità ai diversi cambi di tempo; nei riff mai simili tra loro e mai stereotipati; nella volontà di dare delle canzoni che abbiano una propria anima, una propria personalità e che non assomiglino ad una minestra riscaldata né, tantomeno, che le singole songs si assomiglino tra loro in maniera piatta. In più, sul CD troviamo anche un filmato del “Making of…” girato negli studi in cui il lavoro è stato registrato, e cioè a Clinton nel Massachusetts, in cui possiamo intuire il clima delle registrazioni ed il carattere scanzonato ma determinato dei singoli artefici di “Riding a Cannibal Horse from Here To...”. Buon ascolto.

Track by Track
  1. Introducing Ourselves to the Masses 64
  2. Merendina Will Have His Revenge on Capeside 75
  3. Vampires in the Sun (Surfin' Transylvania) 76
  4. The Way to Rock 72
  5. Vortex of Cows into the Sweet Tornado 80
  6. Where We're Going We don't Need Roads! 78
  7. Biollante's Dawn 75
  8. Riding a Cannibal Horse from Here to Clinton, MA 71
  9. 007 ce fa 'na Pippa 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 84
  • Qualità Artwork: 74
  • Originalità: 86
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
76

 

Recensione di Ernando » pubblicata il --. Articolo letto 881 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.