Universe In My Yard «Cold Souls» (2016)

Universe In My Yard «Cold Souls» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
29.05.2016

 

Visualizzazioni:
1378

 

Band:
Universe In My Yard
[MetalWave] Invia una email a Universe In My Yard [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Universe In My Yard [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Universe In My Yard

 

Titolo:
Cold Souls

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Nicolò Alfei :: Bass and Vocals
Mattia Toschi :: Guitars
Lenny Pietrolata :: Guitars

 

Genere:
Deathcore

 

Durata:
10' 24"

 

Formato:
EP

 

Data di Uscita:
28.04.2016

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Nonostante l’artwork molto sognante, gli Universe in my Yard fanno deathcore un po’ orientato verso certo math e certo djent, e arrivano con questo ep al debutto, che condensa 10 minuti e mezzo di musica in tre tracce più intro.
Ma “Cold Souls” non è ancora qualcosa di memorabile, e questo sia per la durata molto breve dell’Ep che soprattutto per l’evidente maturità compositiva ancora da sviluppare. In pratica si parte con una title track insipida, dove il ritornello non è niente di che, e poi stranamente il brano va al momento sbagliato su degli arpeggi puliti stile post, per poi finire alla meno peggio in maniera sfumata. “Everlasting war” già va meglio a tratti, ma gli attimi di silenzio distraggono e sono troppo insistiti, acerbi, con un brano che globalmente va anche bene, ma che ha dei limiti e a volte sembra troppo buttato là d’istinto. L’unica canzone che davvero riesce a convincere è la più varia e complessa “Black Tears”; messa in conclusione dell’Ep.
Diciamo che siamo buoni e concediamo agli Universe in my Yard un’altra chance sotto forma di un’altra release più matura e magari anche più lunga, ma per ora l’entusiasmo della band è controbilanciato da peccati di gioventù che rendono l’Ep poco brutale e che colpisce un po’ a caso e in maniera cheesy. Poi sì, il download è gratuito su bandcamp, ma credo che una volta sentito, l’Ep non lascia granché. Sufficienza d’incoraggiamento.

Track by Track
  1. 21 Grams - Intro S.V.
  2. Cold Souls 55
  3. Everlasting War 60
  4. Black Tears 70
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 60
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 55
  • Tecnica: 60
Giudizio Finale
63

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 29.05.2016. Articolo letto 1378 volte.

 

Articoli Correlati

News
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.