Atom Made Earth «Morning Glory» (2016)

Atom Made Earth «Morning Glory» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
07.05.2016

 

Visualizzazioni:
484

 

Band:
Atom Made Earth
[MetalWave] Invia una email a Atom Made Earth [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Atom Made Earth [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Atom Made Earth [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di Atom Made Earth [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di Atom Made Earth [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Atom Made Earth

 

Titolo:
Morning Glory

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Daniele Polverini :: Guitars, Loop, Synth, Vox, Effects
Nicolò "John" Belfiore :: Keyboards, Synth, Organ,Piano
Testa "Head" Drums, Percussions
Lorenzo Giampieri :: Bass, Effects

 

Genere:
Psychedelic Rock / Post Rock / Progressive / Ambient / Drone Doom

 

Durata:
37' 36"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
07.01.2016

 

Etichetta:
Red Sound Records
[MetalWave] Invia una email a Red Sound Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Red Sound Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Red Sound Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Doppio Clic Promotions
[MetalWave] Invia una email a Doppio Clic Promotions [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Doppio Clic Promotions

 

Recensione

Devo dire che non è male questo secondo full degli Atom Made Earth da Castelfidardo, band che ci propone 5 brani più intro e outro per 37 minuti di musica strumentale più rock psichedelico che stoner, poiché qui il richiamo al jazz, a certo prog anni 70 e anche alla psichedelia dei Pink Floyd, relegando il tipico riffone stoner rock ai momenti in cui il brano deve andare dritto al punto, qui sapientemente messo in chiusura di gran parte delle canzoni, e che ci fa apprezzare una bella “Thin”, molto spaziale e tastierosa; ma a dimostrazione del fatto che gli AME per fortuna non sono solo una band monotematica, ecco che entra una canzone come “October pale”, molto più decadente e tipicamente post, e il jazz a volte introspettivo di “Reed” e a volte più in your face, così come “Baby blue honey”, che se anche è ancora più jazz di quanto fatto nella canzone precedente, mentre non mi ha convinto la lunga “staC”, che dura 10 minuti e che sembra chiaramente un elogio ai Pink Floyd, con tanto di riff simile (credo volutamente), ma che finisce per essere una citazione forzata, anche se per fortuna poi il brano si mostra interessante per meriti di altre idee apportate.
Insomma: non nego che spesso ho pensato che questi brani potevano essere cantati, e che così come sono vanno anche un po’ sprecati, ma ciò non toglie che la bravura di questi musicisti ci regala dei brani apprezzabili e appassionanti, consigliati per gli amanti dello psichedelico.

Track by Track
  1. Noil - Intro S.V.
  2. Thin 70
  3. October pale 75
  4. Reed 70
  5. Baby blue honey 70
  6. staC 65
  7. Lamps Like An African Sun - Outro S.V.
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
70

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 07.05.2016. Articolo letto 484 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.