Belladonna «The Orchestral Album» (2016)

Belladonna «The Orchestral Album» | MetalWave.it Recensioni Autore:
reira »

 

Recensione Pubblicata il:
15.04.2016

 

Visualizzazioni:
822

 

Band:
Belladonna
[MetalWave] Invia una email a Belladonna [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Belladonna [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Belladonna [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Belladonna [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di Belladonna

 

Titolo:
The Orchestral Album

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Luana Caraffa - vox
Dani Macchi - gtr
Martina Petrucci - piano
Taya Angelini - bass
Mattia Mari - drums

 

Genere:
Rock Noir

 

Durata:
51' 40"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
23.03.2016

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Band incredibilmente ricca di talento quella dei Belladonna.
Le idee e le innovazioni si fondono in The Orchestral Album, titolo che lascia poco spazio all'immaginazione.
Eppure, per comprendere e godersi appieno i Belladonna, di immaginazione ce ne vuole.
Sì, perché quest'opera è complessa e intensa come poche, se devo dirla tutta.
L'originalità dei Belladonna sta nel fatto che suonano, cantano e scrivono musica non per tutti.
The Orchestral Album è composto da dieci tracce che avrebbe poco senso analizzare separatamente, posso solo affermare quanto siano spiazzanti.
La voce di Luana Caraffa è profonda e avvolgente; il lavoro orchestrale che fa da sfondo onnipresente è immenso. Non è un caso che questo gruppo collabori con nomi degni di nota e che sia riuscito a farsi strada (e ne farà ancora).
Ascoltando i loro brani, vieni catapultato in una dimensione noir, di quelle da chiudere gli occhi e lasciarti trasportare dalle immagini che solo certa musica può farti evocare.
Nonostante questo genere di rock non sia nelle mie corde, non posso fare altro che consigliarvi questo disco perché merita un posto nella vostra collezione personale.

Track by Track
  1. Damn your love 80
  2. Till death do us apart 80
  3. Wonderlust 85
  4. Beyond the realms of reason 80
  5. Maria Spelterini 80
  6. Morning star blues 80
  7. A pyromantic sonnet 80
  8. Morpheus rising 80
  9. Abduction 80
  10. Morpheus 80
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 85
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 90
Giudizio Finale
80

 

Recensione di reira » pubblicata il 15.04.2016. Articolo letto 822 volte.

 

Articoli Correlati

News
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.