Brainstorm «Scary Creatures» (2016)

Brainstorm «Scary Creatures» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
08.04.2016

 

Visualizzazioni:
1712

 

Band:
Brainstorm
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Brainstorm [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Brainstorm [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Brainstorm

 

Titolo:
Scary Creatures

 

Nazione:
Germania

 

Formazione:
Andy B. Franck :: Vocals
Dieter Bernert :: Drums
Milan Loncaric :: Guitars, Vocals
Torsten Ihlenfeld :: Guitars, Vocals
Antonio Ieva :: Bass

 

Genere:
Power Metal

 

Durata:
50' 1"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
15.01.2016

 

Etichetta:
AFM Records
[MetalWave] Invia una email a AFM Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di AFM Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di AFM Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di AFM Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di AFM Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di AFM Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Ennesimo nuovo disco dei veteran tedeschi Brainstorm, che con “Scary Creatures” ci propongono 10 tracce di heavy power metal potente ma mai troppo veloce, confezionato in circa 50 minuti di musica.
È difficile rinnovarsi una volta arrivati al dodicesimo album, e con questo album un po’ il tempo che passa si sente per questi tedeschi, che vanno avanti con esperienza e con una maturazione del sound eccellente. Talmente eccellente da risultare anche un po’ manieristica a volte, come nella estrema rigorosità del songwriting, anche un po’ manieristica se si vuole. Lo si nota nelle prime tre canzoni, riuscite e potenti, ma che devono tutto o quasi a dei ritornelli cantabili e dalla presa assicurata, con un approccio un po’ calmierato della sezione ritmica che si farà sentire per tutto l’album, anche se le chitarre spingono a dovere e quella voce non perde un solo colpo sia come idee che come intonazione. Occorre arrivare alla parte centrale per sentire qualcosa che fa veramente alzare l’attenzione, con il mid tempo della title track potente e stile certi Iced Earth di metà carriera, ma soprattutto con il ritornello di “Twisted Ways”, decisamente la miglior canzone grazie ad un suo andamento epico e un ritornello da urlo, così come convince anche “Scars in your eyes”, un mid tempo cupo e tenebroso meno melodico, mentre il finire dell’album è all’insegna di un sound più morbido, più rock e meno metal.
Insomma: non il loro migliore album, ma come detto ad inizio della recensione, dopo 26 anni di musica e 12 album non è che ti puoi più aspettare che il meglio debba ancora arrivare. Un disco dignitoso per il pubblico e soddisfacente per la band, che probabilmente non rinnoverà la sua musica né aumenterà i propri fans con questo album, ma che proprio con questo album contribuiscono a far rimanere la loro band viva e pulsante.

Track by Track
  1. The world to see 75
  2. How much can you take 75
  3. We are... 70
  4. Where angels dream 75
  5. Scary creatures 80
  6. Twisted Ways 80
  7. Caressed By The Blackness 70
  8. Scars in your eyes 80
  9. Take me to the never 75
  10. Sky among the clouds 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 75
Giudizio Finale
75

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 08.04.2016. Articolo letto 1712 volte.

 

Articoli Correlati

News
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.