Deadly Carnage «Chasm» (2016)

Deadly Carnage «Chasm» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
25.03.2016

 

Visualizzazioni:
772

 

Band:
Deadly Carnage
[MetalWave] Invia una email a Deadly Carnage [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Deadly Carnage [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Deadly Carnage [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Deadly Carnage

 

Titolo:
Chasm

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- Marcello :: Voce;
- Alexios :: Chitarre;
- Dave :: Chitarre;
- Adres :: Basso;
- Marco :: Batteria;

 

Genere:
Post-Black / Doom

 

Durata:
8' 40"

 

Formato:
Vinile 7"

 

Data di Uscita:
2016

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Nati nel 2005 i nazionali Deadly Carnage con all’attivo un demo, tre full lenght e due Ep inclusivo di questo nuovissimo “Chasm” a due piste, ci propongono la loro sonorità definita post black metal dai tratti non troppo incisivi ma complessivamente con un sound che ricorda più un contesto tendente al post rock e meno quello post black. Il quintetto, per celebrare i dieci anni di attività, offre questi due inediti brani dell’ Ep in vinile formato 7’’ ed in tiratura limitata a 100 copie, attraverso l’armonia e la sperimentazione del sound che conferma appieno tutta la propria indole creativa recentemente mutata in occasione dell’avvenuto cambio di tendenza musicale con l’uscita dall’ultimo “Manthe” nel 2014. Il primo dei due brani è “Nothing was the End” dal sound prettamente misto tra post rock e sperimentazione dove la parte cantata, nella sua espressività, da l’impressione di non trovarsi troppo a suo agio; quanto al secondo “Hole in Morrors” si assiste più ad un contesto musicale di non facile inquadramento per le varie influenze riportate nello stesso. In sostanza, non si assiste ad un genere preciso ma ad un genere plurimo attraverso il quale la stessa band non ama configurarsi o etichettarsi lasciando il corso degli eventi alla propria incessabile voglia di sperimentare senza mai lasciarsi condizionare.

Track by Track
  1. Nothing was the End 65
  2. Hole of Mirrors 70
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 65
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 65
  • Tecnica: 65
Giudizio Finale
68

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 25.03.2016. Articolo letto 772 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.