Ufomammut «Lucyfer Songs» (2006)

Ufomammut «Lucyfer Songs» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Ernando »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
1229

 

Band:
Ufomammut
[MetalWave] Invia una email a Ufomammut [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Ufomammut [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Ufomammut

 

Titolo:
Lucyfer Songs

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Urlo - Basso, Voce, Synths ed effetti
Poia - Chitarre, Synths
Vita - Batterista

 

Genere:

 

Durata:
34' 56"

 

Formato:

 

Data di Uscita:
2006

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Ispirati dal doom e dalla psichedelica arrivano al loro terzo album gli Ufomammut: la musica è molto vicina ai Neurosis e agli Isis e a certi Electric Wizard più allucinogeni. Come si può facilmente intuire, il sound proposto è di quelli pesanti, lenti, dalle atmosfere terse e lisergiche, in cui le atmosfere create sono distorte grazie ad accorgimenti industrial ed influenze derivanti dalla musica elettronica. In tutto l’album aleggia anche l’ombra dei Black Sabbath, i quali hanno ispirato quasi completamente queste sonorità pachidermiche e, nel caso specifico, un chiaro esempio è l’opener e Mars 05. La voce del singer è perennemente filtrata e tra i capitoli che compongono il lavoro si può notare l’ottima amalgama creata anche grazie a questo fattore; ma la sensazione più risaltante è data dalla musica visionaria e narcotica, quasi da essere perseguita, visti i tempi di proibizione in materia, da parte delle autorità giudiziarie. Ma oltre alla musica c’è anche un progetto artistico alle spalle, che nasce proprio con questo disco: un ritorno alla concezione artigianale del manufatto, quasi come se fosse un’opera d’arte, così come in passato furono le copertine firmate da Andy Wharol, il quale si esula dalla vendibilità per esaltare la proposta in sé. Gli autori di questo stravolgimento culturale sono i Malleus Rock Art Lab tramite la loro casa discografica, la Supernaturalcat. In definitiva, tornando alle nostre considerazioni su Lucyfer Songs, non possiamo che considerarlo un album in linea con quanto proposto dal genere, ma con un pizzico di originalità che gli sono valsi diversi riconoscimenti da parte di webzine del settore.

Track by Track
  1. Blind 66
  2. Hellcore 66
  3. Hypnotized 61
  4. Mars 05 66
  5. Astronaut 63
  6. Lucyfer Songs (only vinyl) 64
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 65
  • Qualità Artwork: 85
  • Originalità: 68
  • Tecnica: 72
Giudizio Finale
68

 

Recensione di Ernando » pubblicata il --. Articolo letto 1229 volte.

 

Articoli Correlati

News
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.