Arcana Opera «De Noir» (2015)

Arcana Opera źDe Noir╗ | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
22.12.2015

 

Visualizzazioni:
1044

 

Band:
Arcana Opera
[MetalWave] Invia una email a Arcana Opera [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Arcana Opera [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Arcana Opera [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Arcana Opera [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di Arcana Opera [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di Arcana Opera

 

Titolo:
De Noir

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Björn Hodestål :: Bass
Marco Sanguanini :: Drums
Mirko Fabris :: Guitars
Stefano Masin :: Guitars, Vocals
Paolo Nox :: Keyboards
Martina Facco :: Violin
Alexander Wyrd :: Vocals

 

Genere:
Noir / Folk / Progressive

 

Durata:
51' 18"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
20.06.2015

 

Etichetta:
Nemeton Records
[MetalWave] Invia una email a Nemeton Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Nemeton Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Nemeton Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Nemeton Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di Nemeton Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Nemeton Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Sono Veneti questi Arcana Opera, arrivati al loro secondo album sotto Nemeton Records, e si sente! Questo combo vicentino infatti mostra una certa classe nell’assemblare con discreta originalità il folk (predominante) col metal, a volte estremo, altre volte con sfumature barocche o drammatiche tipiche di certo power, per un sound che potrei in poche parole definire come un buon mix di Kanseil e Atavicus, e anche qualche spruzzatina sporadica di Draugr, Korrigans e Haggard, per un risultato poliedrico e apprezzabile.
Ed è questo il punto di forza di “De Noir”: il fatto che ogni canzone riesce a sorprendere e a esplorare nuove sfaccettature del sound degli AO, con una “Cave Canem” potente e ritmicamente mossa, con una rockeggiante “Ambasciata Noir” divertente, e la più Draugr-oriented “Quetzalcoatl”, con tanto di flauti e di parte corale conclusiva, ma le parti power, a dimostrazione del fatto che gli AO non vanno visti solo come una band estrema, emergono prepotenti nella ballad “La tesi di Empedocle”, e ognuno di questi brani che ho citato costituisce un caposaldo del songwriting loro, che maggiormente esemplifica il sound proprio per questo motivo. Ne risulta dunque un album interessante, divertente e senz’altro con dei picchi di intrattenimento notevoli, che costituisce senz’altro un acquisto sicuramente consigliabile per chi apprezza e segue il folk metal italiano, sia estremo che non.
Tuttavia ci sono alcuni difetti che infastidiscono un po’ l’album, dati dal fatto che la mistura di generi proposta dagli AO senz’altro funziona, ma si può migliorare senz’altro nei dettagli, come ad esempio la quarta “Caffè Marco Polo”, che sicuramente sa di Veneziano ma che viene smorzata da un cantato iniziale per me molto piatto, poco interessante e in generale mi suona anche un po’ languida, inoltre certi ritornelli sono power, ok, ma sanno un po’ di quel power banalotto, da cartone animato tanto per intenderci, e l’ultima canzone che tende ad essere pacchiana a volte e per questo un po’ ridicola.
Nonostante questi difetti, comunque, ripeto: l’album è più che ascoltabile e la band ci sa fare, specialmente se verrà limato qualcosa e si amalgameranno meglio le influenze. Speriamo quindi bene per il futuro.

Track by Track
  1. Cave canem 80
  2. Il letto rosso 75
  3. Ambasciata noir 80
  4. Caffè Marco polo 60
  5. Quetzalcoatl 75
  6. La tesi di Empedocle 75
  7. Il lamento di Marsia 75
  8. La danza della forca 70
  9. Sul Pasubio Prima Dell'Alba 65
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 75
Giudizio Finale
74

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 22.12.2015. Articolo letto 1044 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.