Pestilence «The Dysentry Penance» (2015)

Pestilence «The Dysentry Penance» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
11.11.2015

 

Visualizzazioni:
1087

 

Band:
Pestilence
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Pestilence [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Pestilence

 

Titolo:
The Dysentry Penance

 

Nazione:
Olanda / Germania /

 

Formazione:
- Patrick Mameli :: Guitars & Vocals;
- Patrick Uterwijk :: Guitars;
- George Maier :: Bass;
- Dave Haley :: Drums;

 

Genere:
Oldskool Progressive Deathfusion

 

Durata:
40' 24"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
30.11.2015

 

Etichetta:
Vic Records
[MetalWave] Invia una email a Vic Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Vic Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Vic Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Gli storici Pestilence, dopo trent’anni di attività, mettono in ristampa i loro primi due demo datati 1987 ovvero “The Penance” e “ Dysentry” raccogliendoli nella compilation intitolata “ The Dysentry Penance” in formato cd e Lp, all’interno della quale sono anche presenti a conclusione del disco, due brani live suonati in occasione del Metal Attack Festival del 1988. Il lavoro impernia i primi anni formativi della band attraverso i quali la stessa non perdeva già l’occasione di sperimentare la propria innata e brutale tecnica in modalità death metal; in effetti, paragonando la compilation agli ultimi lavori e considerando che la band attuale ha solo Patrick Uterwijck e Patrick Mameli come membri originali della band, si percepisce maggiormente l’ovvia maturità acquisita nel corso degli anni. In ogni caso il sound è quello di un tempo grezzo e senza troppa tecnologia che, al giorno d’oggi, pur offrendo un sound incredibilmente attraente e vario nelle sua genesi, nella maggior parte dei casi ci fa perdere il contatto con quella che è stata la realtà da cui tutto è cominciato. La compilation si divide in due parti nella quale, i primi quattro brani, appartengono al primissimo demo intitolato “Dysentry” dove le tracce evidenziano il caratteristico sound dell’epoca generato da colpi secchi e riff in modalità motosega che variano tra attimi velocissimi ad altri più moderati, il tutto appoggiato dal cantato di Martin Van Drunen ai limiti dell’umano; “Against the Innocent” apre il primo dei due demo con un intro quasi surreale ma sempre dai tratti un po’ tenebrosi e mistici che anticipano i colpi secchi e semplici nella ritmica prevalsi da una voce quasi rauca di Martin Van Drunen che per l’epoca era ai limiti del raccapricciante; il successivo “Delirical Life” apre con un groove dai tratti coinvolgenti che a poco a poco viene invaso dalla furiosa indole ritmica mista tra thrash e death metal; “Traitors Gate” ha un’andatura iniziale più lenta rispetto ai precedenti brani anche se poi viene folgorata da andatura thrash un po’ in modalità vecchi Slayer ma pregno anche di lead dall’esecuzione esemplare; termina il primo demo il brano “Throne of Death” dall’ottimo riff di apertura che cattura subito l’attenzione dell’ascoltatore nel suo successivo sviluppo che si rileva sempre ignorantemente grezzo ed efficace. Il secondo demo “Penance” apre con “Into Hades” un arpeggio in delay che anticipa il primo effettivo brano “Before the Penance” dove, nonostante sia stato anch’esso realizzato nel 1987 anno stesso di realizzazione del primo demo, dimostra già una maggiore maturità della band da un punto di vista creativo; la voce di Martin Van Drunen appare quasi sdolcinata ma resta sempre d’effetto così come anche l’esecuzione dei riff e delle ritmiche maggiormente curate nei dettagli; anche con “Affection” le cose non cambiano la tecnica strumentale, seppur non troppo fantasiosa, resta sempre d’impatto notevole grazie soprattutto all’incredibile velocità esecutiva; il successivo “Fight The Plague” che chiude il demo prima dei due bonus live del cd, si alterna tra contesti più o meno rapidi ma sempre pregni di groove. Quanto ai due brani live “Before the Penance” e “Fight The Plague” realizzati nel corso del Metal Attack festival Olandese di Eibergen nel 1988 con Kreator, Death Angel e Holy Moses, rappresentano, anche se di scarso pregio sonoro, una vera rarità per gli appassionati della band come il sottoscritto, che arricchiscono questo incredibile lavoro messo in ristampa.

Track by Track
  1. Against the Innocent 75
  2. Delirical Life 80
  3. Traitors Gate 75
  4. Throne of Death 75
  5. Into Hades 80
  6. Before the Penance 80
  7. Affection 75
  8. Fight The Plague 80
  9. Before the Penance 65
  10. Fight The Plague 65
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 75
Giudizio Finale
75

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 11.11.2015. Articolo letto 1087 volte.

 

Articoli Correlati

News
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.