Rise To Fall «End Vs Beginning» (2015)

Rise To Fall «End Vs Beginning» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
02.11.2015

 

Visualizzazioni:
767

 

Band:
Rise To Fall
[MetalWave] Invia una email a Rise To Fall [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Rise To Fall [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Rise To Fall

 

Titolo:
End Vs Beginning

 

Nazione:
Spagna

 

Formazione:
Xabier Del Val :: Drums
Hugo Markaida :: Lead Guitars
Javier Martin :: Rhythm Guitars
Alain Gutierrez :: Vocals
Asis Rodriguez :: Bass

 

Genere:
Melodic Death Metal

 

Durata:
58' 54"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
30.05.2015

 

Etichetta:
Coroner Records
[MetalWave] Invia una email a Coroner Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Coroner Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Coroner Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Coroner Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Coroner Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Coroner Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Terzo album per i Rise to Fall, una band spagnola da Bilbao che propone ciò che attualmente viene chiamato Melodeath, ovvero un mix di metalcore e di death melodico svedese, molto in stile Soilwork di metà carriera. Sappiate sin da subito che l’adesione a questi stilemi musicali dei RTF è totale, l’album è diviso in 14 tracce più intermezzo e la sua lunghezza è considerevole (quasi 59 minuti di musica), fattori che rendono l’album difficile da buttare giù per chi non ama queste sonorità.
Venendo all’album, all’ascolto il genere proposto è evidentissimo sin dalla title track iniziale: i ritornelli puliti sono presenti in ogni singola canzone, ci sono parti più elettroniche come certi Soilwork ci hanno insegnato, e a parte un uso della solista più tipicamente thrash, non si scappa da questo cliché compositivo; tutt’al più durante l’ascolto le sonorità più tipicamente metalcore escono allo scoperto, già delineate sin dalla seconda traccia ed evidenti in tracce come “Burning signs” e “Murk empire”, con altri episodi più easy listening come “Emptiness” o “Unspeakable sins” e la traccia forse migliore dell’album, ovvero la sesta “Rise without drama”, che media entrambe le componenti musicali della band in maniera naturale e precisa, con anche un ottimo lavoro di chitarra solista, a rendere questo brano davvero gradevole. Certo, per la verità a lungo andare emerge qualche brano più filler, e la totale mancanza di originalità potrebbe far desistere qualcuno, ma va anche detto che questo album all’ascolto scorre molto liscio e quindi almeno “End vs. beginning” è onesto: non siamo di fronte a dei suoni tutto digitale e senz’anima, non siamo di fronte a urla e batteria in primo piano, e neanche sono presenti per fortuna tentativi imbarazzanti di riciclare qualche stilema del metal estremo giusto per sembrare più brutali. I Rise to Fall sanno fare un genere senza poi cercare di essere ciò che non sono.
“End vs beginning” dunque è così, prendere o lasciare. È un disco sicuramente poco originale, ma perlomeno è fatto molto bene, scorre all’ascolto e se il genere musicale è quello che fa per voi, può essere un buon acquisto. Per chi invece non è dentro a questo genere o potrebbe cercare più originalità, togliete qualche punto al voto finale.

Track by Track
  1. End vs beginning 70
  2. The threshold 70
  3. Plastic scene 70
  4. Burning signs 70
  5. Parasites 65
  6. Rise without drama 75
  7. Thunders of emotions beating 70
  8. Murk empire 75
  9. Against all odds 65
  10. Dark Clowns Leading Blinds 65
  11. Emptiness 70
  12. Welcome to... (Intermezzo) S.V.
  13. ...The refuge 70
  14. Unspeakable sins 70
  15. Sustention 65
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 60
  • Tecnica: 75
Giudizio Finale
69

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 02.11.2015. Articolo letto 767 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.