Kill Ritual «Karma Machine» (2015)

Kill Ritual «Karma Machine» | MetalWave.it Recensioni Autore:
reira »

 

Recensione Pubblicata il:
16.09.2015

 

Visualizzazioni:
935

 

Band:
Kill Ritual
[MetalWave] Invia una email a Kill Ritual [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Kill Ritual [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Kill Ritual [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Kill Ritual [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Kill Ritual [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Kill Ritual [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di Kill Ritual

 

Titolo:
Karma Machine

 

Nazione:
U.s.a.

 

Formazione:
Steve Rice-Lead Guitar, David Reed Watson-Vocals, Bobby HQ Storm-Bass, Koryun Bobikyan - Drums

 

Genere:
Metal

 

Durata:
47' 20"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
18.09.2015

 

Etichetta:
Scarlet Records
[MetalWave] Invia una email a Scarlet Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Scarlet Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Scarlet Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Karma Machine, un titolo che la dice lunga su ciò che vogliono esprimere i Kill Ritual con questo album.
A dire la verità, non ho trovato grandi picchi di genialità nelle nove tracce che compongono il tutto.
Il genere è un metal abbastanza glam, per così dire, che ci tiene molto alla sua apparenza da "duro" e poco alla varietà.
Dicevamo, nove tracce che, sostanzialmente, differiscono molto poco tra loro.
Ad appesantire maggiormente la situazione, c'è il cantante David. Per carità, non ha una brutta voce, ma a volte sembra voler fare la parodia di se stesso e questo alla lunga stanca.
Sicuramente questi ragazzi sanno suonare abbastanza bene e hanno la giusta presenza scenica per attrarre, tuttavia mi pare lecito chiedere di più.
Non basta a tutti comprare un cd per sentire riffoni e doppia cassa: ci vuole più sostanza.
A qualcuno di voi i Kill Ritual potrebbero piacere, ad altri meno.
Diciamo che Karma Machine non è un qualcosa sul quale investirei a occhi chiusi. Magari ascoltatevelo e fatevi un'opinione personale.

Track by Track
  1. Just a cut 60
  2. Rise 60
  3. The enemy inside 60
  4. The key 60
  5. Karma machine 55
  6. My green room 60
  7. Kundalini 50
  8. Land of the dead 55
  9. Camera's eye 55
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 50
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
60

 

Recensione di reira » pubblicata il 16.09.2015. Articolo letto 935 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.