Plato's Cave «Servo/Padrone» (2015)

Plato's Cave «Servo/padrone» | MetalWave.it Recensioni Autore:
F »

 

Recensione Pubblicata il:
31.07.2015

 

Visualizzazioni:
698

 

Band:
Plato's Cave
[MetalWave] Invia una email a Plato's Cave [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Plato's Cave [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Plato's Cave

 

Titolo:
Servo/Padrone

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Alessandro Villano - Voce, Piano, Synth
Francesco Detta - Chitarra, Mandolino, Piano
Alessio Carbone - Chitarra
Francesco Carbone - Basso, Piano, Synth
Luigi Fimiani - Batteria

 

Genere:
Art- Rock

 

Durata:
1h 0' 0"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
05.02.2015

 

Etichetta:
VideoMapNetwork
[MetalWave] Invia una email a VideoMapNetwork [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di VideoMapNetwork [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di VideoMapNetwork

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Mazzarella Press Office
[MetalWave] Invia una email a Mazzarella Press Office [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Mazzarella Press Office [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Mazzarella Press Office

 

Recensione

La caverna di Platone, la dicotomia servo/padrone: tanta carne al fuoco già soltanto nel moniker del gruppo e nel titolo dell' LP d'esordio dei nostri.

La materia trattata è rock cantautorale, con influenze prog e genericamente '70s: le musiche sono interessanti, nessun virtuosismo particolare ma le melodie raggiungono un buon compromesso tra orecchiabilità e novità. La produzione è scarna, c'è molto spazio nello spettro sonoro e i suoni non sono quel che si direbbe moderni e limati. Per fare il primo esempio, certe chitarre sembrano registrate in camera con un amplificatore da studio: saran le orecchie abituate a produzioni più grosse, più calde, sarà un anelito al suono vintage, ma per il genere in questione mi aspetterei più calore.

Sulle note rock-prog si innestano testi, in italiano, decisamente interessanti in quanto si prendono il rischio di trattare temi non banali (tradimento, spiritualità, contrapposta alla carnalità). La voce non è perfetta, ha un qualche accento non meglio identificato, gratta un po' e quando si sale pare sempre sul punto di perdere il controllo. Non si sposa naturalmente con la musica: è come se si percepisse lo sforzo di far aderire un cantato italiano e verboso a una musica per definizione anglofona ma, nonostante questo, risulta comunque gradevole.

Si rileggono nelle liriche i temi del titolo e del nome della band, e, forse influenzati dall'andazzo di certe musiche, sembra che si stia dando una lettura della società e delle emozioni di oggi filtrate attraverso una lente proveniente dal passato. Pregiudizi, falsa moralità, difficoltà quotidiane, relazioni sghembe, pare in fondo che siano temi che attraversano il tempo (spesso, purtroppo) così come la musica.
Il pregio di questo lavoro, il punto di forza del combo risiede infatti nel lavoro lirico, che va approfondito, curato e sfrondato anche di quanto non necessario ai fini delle canzoni. Perché la musica, la forma-canzone è anche e soprattutto un lavoro di sintesi e adattamento, sia lessicale che musicale. E non tutto deve, o può, essere detto in questa forma d'arte, ma si possono lasciare dei sottintesi, dei richiami (non)espliciti, degli spunti o financo dei fraintendimenti, che portino il cervello e il cuore di chi ascolta a mettersi in moto su diversi piani (emotivo e/o razionale).

Nota a lato per la cover: personalmente spiazzante, in quanto pare richiamare quella di un grande disco del miglior brit pop '90.

Track by Track
  1. L'omicidio di un suicida 60
  2. L'uomo assoluto 60
  3. Il viandante 60
  4. Eclissi popolare 60
  5. InGiuria, Pt. 1 60
  6. Wilma 60
  7. L'opposizione all'eccezione 60
  8. InGiuria, Pt. 2 60
  9. Viaggio introspettivo 60
  10. L'eco delle Valchirie 60
  11. Canzone per un prigioniero 60
  12. L'applauso 60
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 65
  • Qualità Artwork: 65
  • Originalità: 60
  • Tecnica: 65
Giudizio Finale
61

 

Recensione di F » pubblicata il 31.07.2015. Articolo letto 698 volte.

 

Articoli Correlati

Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.