Ape Unit «Turd» (2015)

Ape Unit «Turd» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
27.07.2015

 

Visualizzazioni:
1125

 

Band:
Ape Unit
[MetalWave] Invia una email a Ape Unit [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Ape Unit [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Ape Unit [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Ape Unit

 

Titolo:
Turd

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- Mariano Somà ::
Vocals (also in Septycal Gorge);
- Marco Losano ::
Guitars (also in Septycal Gorge);
- Alberto Cornero ::
Guitars (also in The Glad Husbands, Lamalora);
- Umberto Salvetti :: Bass;
- Steve Bianco :: Drums (ex Endovein);

 

Genere:
Grindcore

 

Durata:
8' 8"

 

Formato:
Vinile 10"

 

Data di Uscita:
2015

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Inizio l’ascolto di questo lavoro forgiato ad opera dei cuneesi Ape Unit intitolato “Turd” e faccio un salto indietro nel tempo ricordando quando inserii per la prima volta nel mio stereo “Scum” dei Napalm Death, nel lontano 1988, ma di fatto realizzato in vinile nel luglio del 1987 e balzo immediatamente dalla poltrona. Un grind noise realizzato in maniera quasi storica, ottimamente eseguito con brani quasi tutti inferiori al minuto di ascolto ciascuno; sonorità old stile, drum alla Mick Harris, chitarre che ricordano subito i primi Brutal Truth e Terrorizer, growl vocale magnificamente proposto, un lavoro sorprendente che, al di là della incredibile somiglianza stilistica con le band predette, riesce in ciascuno dei dieci brani proposti che nel complesso offrono un ascolto di dieci minuti scarsi, anche ad inserire elementi armonici di impatto che decretano la variabilità di ciascun brano rispetto all’altro. Difficilmente nel corso dell’ascolto si percepiscono similitudini tra i brani che sono tutti devastanti e realizzati in modo tale da determinare l’impossibilità di stendere eventuali note critiche per questo strepitoso lavoro che ovviamente è destinato un po’ a tutti i Metallers ma in particolare agli amanti del grind di prima generazione.

Track by Track
  1. Buperal Baphomet 75
  2. Mullet For My Valentine 85
  3. Your Body Will Become my Abat - Jour 85
  4. The Will to Smith 80
  5. Tropical Mode on 80
  6. Don't Touch The Forbidden Congas 85
  7. Orango Juice 80
  8. Sperm Bank Robbery 80
  9. Children Of Boredom 85
  10. Go Kart Cobain 85
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 80
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 85
Giudizio Finale
82

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 27.07.2015. Articolo letto 1125 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.