The Magik Way «Curve Sternum» (2015)

The Magik Way «Curve Sternum» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
13.06.2015

 

Visualizzazioni:
1086

 

Band:
The Magik Way
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di The Magik Way [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di The Magik Way

 

Titolo:
Curve Sternum

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Nequam :: vocals, acoustic guitars, programming
Azàch :: drums and percussions

 

Genere:
Ritualist Occult Music

 

Durata:
40' 18"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
11.05.2015

 

Etichetta:
Sad Sun Music
[MetalWave] Invia una email a Sad Sun Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Sad Sun Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Sad Sun Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Sad Sun Music

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Il combo The Magik Way arriva al proprio secondo album con una proposta musicale che diluisce 8 tracce strane e contorte, molto ombrose e introverse, in poco più di 40 minuti di musica, una musica definita “Ritualistic Occult Music”, e che effettivamente sembrerebbe proprio in quello stile. Per intenderci, prendete delle cantilene arpeggiate di basso o di chitarra ribassati, ripetetele nel brano (al massimo cambiate una o due volte), e con un’eventuale batteria, immaginate una voce rabbiosa che parla e che descrive i propri scenari. Non proprio dei brani ambient, dunque, giacché qui c’è un po’ di tastiera ma c’è pochissima elettronica, definiamoli semmai uno sludge particolarmente ridotto all’osso.
E il risultato, non si può negare: ci sta e a me piace proprio. “Curve Sternum” in qualche modo colpisce per le atmosfere sospese della bella opener “I corpi pesanti”, o la malevola filastrocca di “La mano raccoglie”, per non parlare della danza oscura tipo mantra di “You-He-Vau-He”, il tutto con una cura dei mood da canzone a canzone che rendono l’album davvero avvincente, per quanto fuori dagli schemi e non canonico, e che trasformano ogni canzone in un singolo racconto oscuro ma mai troppo pesante e che usa solo questi 3 strumenti e una voce narrante. Notevole.
Disco consigliato per gli amanti dell’oscurità più tipo colonna sonora che come canzone.

Track by Track
  1. I corpi pesanti 80
  2. La mano raccoglie 75
  3. A curva di sterno 75
  4. Yod-He-Vau-He 80
  5. Nel tempo restare 75
  6. L’orrore 75
  7. Scuotiti, oh vita! 70
  8. In alto come in basso 70
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 75
  • Tecnica: 75
Giudizio Finale
74

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 13.06.2015. Articolo letto 1086 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.