Ru Fus «Ru Fus» (2014)

Ru Fus «Ru Fus» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
08.06.2015

 

Visualizzazioni:
1096

 

Band:
Ru Fus
[MetalWave] Invia una email a Ru Fus [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Ru Fus [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Ru Fus [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Ru Fus [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Ru Fus

 

Titolo:
Ru Fus

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- Emiliano Valente :: All;

 

Genere:
Noiserock Stoner Protogrunge

 

Durata:
38' 0"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2014

 

Etichetta:
GhostLabel Record
[MetalWave] Invia una email a GhostLabel Record [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di GhostLabel Record [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di GhostLabel Record [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagine GooglePlus di GhostLabel Record [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di GhostLabel Record [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di GhostLabel Record

 

Distribuzione:
CrashsoundDIstribution
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di CrashsoundDIstribution [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di CrashsoundDIstribution

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Dopo aver militato in diverse band, Ru Fus, personificato in Emiliano Valente, ci presenta questo suo primo progetto unipersonale che trae spunto da numerose correnti che spaziano dal protogrunge al noiserock, e venature di punk core. L’artista, già militante in numerose band tra cui Zen Circus, Neurotomy, The Bugs, Rivertebrati con annesse produzioni e stampe tra demo e cd, da adito a questo lavoro dando comunque prova della propria personale attitudine alla creazione di un sound non complicato e in definitiva realizzato in maniera semplice. Sin dai primissimi ascolti il lavoro sembra prevalentemente orientato su tracce musicali che ricordano facilmente band come Nirvana rivisitate in chiave moderna con l’aggiunta, a tratti, di elementi hard rock, stoner e doom. I brani scorrono in maniera abbastanza rapida, non ci sono momenti particolarmente esaltanti essendo il lavoro orientato su un genere che, in definitiva non presenta eccessivi spunti di creatività. Il lavoro inizia con l’intro “Fader up and Down” subito proposta in modo ben determinato ma poi, di fatto, abbastanza invariata rispetto all’andatura iniziale. “Little Clown” ricorda un grunge anni ’90 rimescolato ad elementi in chiave hard rock che, in definitiva, rilasciano un apprezzabile risultato; “Radiation” parte in un alternative sempre unificato a venature grunge dalle ritmiche pacate e dal cantato soffuso; la successiva “Joker” appare un po’ più movimentata nelle ritmiche lasciando comunque invariato il sound rispetto ai precedenti brani. Dall’andatura prevalentemente acustica è la successiva “People as People” molto pacata nelle andature dai tratti prevalentemente rilassanti; “Out side now” e la successiva “Dead Set” offrono una ritmica quasi sdolcinata dalle andature questa volta più stile rock, i distorti sono sporchi ma piacevoli; “Fragment of Asteroid” un grunge asteroideo dalle ritmiche dinamiche e divertenti; “Like Coldest Winter” offre, nella sua modalità priva di distorti, una simpatica andatura soprattutto nell’andatura di basso; la conclusiva “Season” affronta un andamento significativamente lento ma non troppo coinvolgente. Il platter in definitiva ripercorre la carriera e l’esperienza musicale maturata negli anni da questo artista, qui riproposta in un protogrunge complessivamente ben eseguito, dove l’artista ha oltretutto inserito elementi derivanti da generi musicali a lui più cari il cui risultato ne conclama, in ogni caso, una certa maturità compositiva.

Track by Track
  1. Fader Up & Down 75
  2. Little Clown 70
  3. Radiation 70
  4. Joker 65
  5. People as People 70
  6. Out Side Now 65
  7. Dead Set 65
  8. Fragments of Asteroid 75
  9. Like Coldest Winter 70
  10. Never Machines 65
  11. Season 65
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 65
  • Tecnica: 65
Giudizio Finale
68

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 08.06.2015. Articolo letto 1096 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.