Anamnesi «Erimanto» (2015)

Anamnesi ĢErimantoģ | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
09.05.2015

 

Visualizzazioni:
1451

 

Band:
Anamnesi
[MetalWave] Invia una email a Anamnesi [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Anamnesi [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Anamnesi [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di Anamnesi [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Anamnesi

 

Titolo:
Erimanto

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Anamnesi :: All Instruments

 

Genere:
Atmospheric Black Metal / Acoustic / Ambient music

 

Durata:
39' 47"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2015

 

Etichetta:
Misanthropic Art Productions
[MetalWave] Invia una email a Misanthropic Art Productions [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Misanthropic Art Productions [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Misanthropic Art Productions

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Molto bello questo terzo album del progetto solista di Anamnesi, batterista sardo già noto per la sua militanza in alcune bands, ma anche ottimo polistrumentista, che qui fa tutto da solo, e che ci consegna questo “Erimanto”, un disco black metal davvero ben riuscito, che fa della corposità dei moods delle canzoni il proprio punto di forza.
Non fatevi fregare da una title track che mostra riffs impacciati e anche banalotti nelle parti lente, non pensate che la traccia va benino ma non abbastanza: abbiate la pazienza di ascoltare “Eufonia del plenilunio”, ed è lì che Anamnesi va al massimo, con una canzone molto epica e maestosa, melodica ma anche molto veloce e potente. Ed è proprio questo un tratto caratteristico delle canzoni: un tasso di bpm alto e impetuoso, ma che preferisce uno stile chitarristico con una accentuata vena melodica e gradevole, piuttosto che uno furioso e old school capace anche di incantare nei meravigliosi arpeggi di “Oltre la volta celeste” e nella più rabbiosa “L’asceta”, che forse è anche un po’ più tipicamente metal.
Insomma: dalla copertina potrebbe anche non sembrare neanche un album metal, ma prometto, cari amanti del black metal, che qui c’è da ascoltare in ottima quantità. Se il black metal tirato ma melodico di band come i primi Lord Belial fa per voi, io vi suggerisco l’acquisto di questo cd.

Track by Track
  1. Erimanto 65
  2. Eufonia del plenilunio 75
  3. Le vestigia di un sogno 75
  4. Oltre la volta celeste 80
  5. (Sub)Umano Declino 70
  6. Ad bestias! 70
  7. L’asceta 75
  8. La versione prima del volo (Versione 2014) 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 60
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 75
Giudizio Finale
71

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 09.05.2015. Articolo letto 1451 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.