Plugs Of Apocalypse «EAS» (2015)

Plugs Of Apocalypse «Eas» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
25.04.2015

 

Visualizzazioni:
2164

 

Band:
Plugs Of Apocalypse
[MetalWave] Invia una email a Plugs Of Apocalypse [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Plugs Of Apocalypse [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Plugs Of Apocalypse [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Plugs Of Apocalypse [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Plugs Of Apocalypse

 

Titolo:
EAS

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Giorgio Della Posta :: Lead Vocals, Synth
Alessandro Sajeva :: Guitar
Alberto Musso :: Guitar
Iacopo Fichera :: Bass
Davide Itri :: Drums

 

Genere:
Deathcore

 

Durata:
20' 24"

 

Formato:
EP

 

Data di Uscita:
2015

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

EP di debutto per i Romani Plugs of Apocalypse, che in appena più di 24 tracce ci consegnano un buon esempio di brani che sì, saranno metal moderno e non old school, saranno triggeratissimi e pieni di ritocchi al pro tools (dettaglio importante perché sarei interessato a vedere quante di queste bands che ne abusano poi da live sono riconoscibili), ma porca miseria se mi hanno convinto.
È un po’ tutto, a dire il vero, che ci fa apprezzare questo EP chiamato semplicemente “EAS”, dove per tutto il tempo le atmosfere sono pregne e dense di atmosfere futuristiche, quasi sci fi a volte, con l’opener “Erictho” che si fa evidenziare sin da subito per via di parti davvero solenni, con tanto di cori lirici, che ti fanno scordare che stai sentendo un gruppo deathcore, e dove non c’è spazio per zuccherosità moderne (leggasi ritornelli puliti). Più o meno la stessa cosa avviene per “Anne”, il brano del singolo, tecnicamente definibile come deathcore ma dove invero c’è molto da sentire, con delle tastiere che donano un feeling misterico e complesso, che si nota anche nella title track.
Insomma: ripeto: per me le bands ritoccate al pro tools hanno sempre questo tocco sgradevole di artefatto, di ragazzini iperprodotti e che poi da live sono discreti, di foto normalissime ultra ritoccate al Photoshop, ma qui la band sembrerebbe avere grinta, classe e potenza già di per sé. EP interessante, quindi. Consiglio ai fans del deathcore e delle atmosfere sci fi in musica di dargli un ascolto. Chissà come sono da live...

Track by Track
  1. Erictho 75
  2. Anne 75
  3. Sophie 70
  4. EAS 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 75
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
73

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 25.04.2015. Articolo letto 2164 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.