HOGS «HOGS in Fishnets» (2015)

Hogs «Hogs In Fishnets» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
21.04.2015

 

Visualizzazioni:
1358

 

Band:
HOGS
[MetalWave] Invia una email a HOGS [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di HOGS [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di HOGS

 

Titolo:
HOGS in Fishnets

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- Simone Cei ::Lead & Backing vocals;
- Francesco Bottai :: Guitars;
- Luca Cantasano :: Bass & Synth pedal;
- Pino Gulli :: Drums and Percussio;

 

Genere:
Hard Rock

 

Durata:
46' 55"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
20.04.2015

 

Etichetta:
Red Cat Records
[MetalWave] Invia una email a Red Cat Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Red Cat Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Red Cat Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Red Cat Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di Red Cat Records

 

Distribuzione:
Audioglobe
[MetalWave] Invia una email a Audioglobe [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Audioglobe [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Audioglobe [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Audioglobe [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Audioglobe

 

Agenzia di Promozione:
Red Cat Promotion
[MetalWave] Invia una email a Red Cat Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Red Cat Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Red Cat Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Red Cat Promotion

 

Recensione

Attratti più dalla vivacità trasmessa dall’allegorica e colorata fumettistica sexy riportata nell’artwork degli Hogs, gruppo fiorentino d’esordio nel genere Hard Rock, piuttosto che dall’impatto iniziale ricevuto con l’ascolto del disco, veniamo a scoprire che trattasi di una band composta prevalentemente da veterani che hanno militato in band nostrane e non sin dagli anni ’90 e anche prima ma con un’unica eccezione rappresentata dal giovanissimo e brillante cantante Simone Cei che abbassa nettamente la media dell’età degli altri componenti. Il lavoro, che a tratti appare in alcuni brani essere più che rock un qualcosa che si avvicina al soft rock, nel complesso risulta ben articolato anche sulla scorta dell’esperienza maturata negli anni degli strumentisti qui riuniti. Il disco, composto da un full lenght di dietri tracce, viene articolato, come si evince contestualmente dalla back cover del cd, in due parti rappresentate dai primi cinque brani definiti “Funky side “ e i restanti cinque, per appunto, “Hard Side”. Dall’analisi complessiva, nella prima parte del lavoro, vi sono alcuni significativi brani che, a tratti, confermano in maniera parziale lo stile funky nominato; sui primi due brani “There’s no chance to be Alive” e “Can’t stop it” si percepisce maggiormente l’influenza denominata con un andamento in generale che piace e diverte forte dell’esperienza musicale dei componenti la band; è poi la volta di “Lay me down and pretend” altro brano soft rock ben eseguito che fa bella figura grazie ad elementi fusion ben rilevabili. Con la seconda parte del lavoro e mi riferisco alla parte “Hard”, troviamo l’approccio hard rock ma purtroppo privo di riff accattivanti tipici del genere e invece maggiormente concentrato più sul metodo esecutivo. Merita ricordare “Wasting Time” un brano che, per certi versi, ricorda un po’ il rock anni ’70 ed offre una brillante esecuzione della parte cantata oltre ad un buon lavoro di chitarra sul lead ovviamente supportato da un contesto non proprio Hard ma forse un po’ più blues. Le cose sembrano cambiare un po’ direzione con “Dance on Rock” dove si avverte finalmente un po’più di energia sprigionata dalla chitarra e dal resto della band. Un lavoro che nel complesso non appare strutturato proprio in chiave hard rock ma in un semplice rock a tratti soft che dimostra la giusta capacità esecutiva della band

Track by Track
  1. There's No Chance 65
  2. Can't Stop It 65
  3. Lay Me Down and Pretend 60
  4. Lots of Butterflies 50
  5. All for You 50
  6. Behind the Eyes of a Cool 50
  7. Living by the Low 55
  8. Wasting Time 60
  9. Dance on Rock 70
  10. Keep on Trying 65
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 65
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 50
  • Tecnica: 55
Giudizio Finale
60

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 21.04.2015. Articolo letto 1358 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.