Sinatras «Six Sexy Song» (2015)

Sinatras «Six Sexy Song» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
15.04.2015

 

Visualizzazioni:
1087

 

Band:
Sinatras
[MetalWave] Invia una email a Sinatras [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Sinatras [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Sinatras [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di Sinatras [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Sinatras

 

Titolo:
Six Sexy Song

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- Lele Sinatra :: Guitars
- Fla Sinatra :: Vocals
- Lispio Sinatra :: Bass
- Minkio Sinatra ::Guitars
- Jenny B. Sinatra :: Drums

 

Genere:
Death'N'Roll

 

Durata:
26' 6"

 

Formato:
EP

 

Data di Uscita:
2015

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Atomic Stuff
[MetalWave] Invia una email a Atomic Stuff [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Atomic Stuff

 

Recensione

Piovono meteoriti non appena partono le prime note di questo Ep dal titolo “Six Sex Song” autoprodotto dai nostrani Sinatras contenente sei infuocati brani forgiati a suon di un pazzesco Death n’ Roll che trae ispirazione da band quali Carcass, Entombed e Hatebreed. La line up, costituita da personaggi con esperienza ben maturata e reclutati in band Hard’n’roll, Progressive Death metal e hardcore, lascia per l’appunto il segno giusto e lo fa sino in fondo considerando che l’Ep è addirittura in download gratuito sullo stesso sito della band; il brano d’apertura dal titolo “Contamination”, è in grado di squartare ogni cosa, la brutalità e il tecnicismo risultano impossibili da passare inosservati; con il secondo brano “Frank is black” dall’ottimo ritornello, al limite dell’emozione nei passaggi stoppati, si riesce anche a percepire qualche venatura di metalcore considerando che il brano è prevalentemente strutturato in chiave Swedish Death Metal; con “Sunshine” le cui chitarre sembrano rincorrersi l’una con l’altra a suon di riff granitici, il cantato risulta essere sempre all’altezza della situazione; è poi la volta di “The Game” dove il possente groove fa avvertire in pieno la vecchia scuola Entombed; sembra ravvisarsi un minimo di relax con l’intro di “W.A.F.S.” ma poi si parte con riffettoni in chiave Thrash che fanno decisamente decollare il brano che fugge via all’impazzata. Il brano di chiusura “All or Nothing” è ben calibrato, massiccio da devastazione dove si avverte anche qui l’eccellente drumming work con un doppio pedale che mette i brividi. Nel rimanere in attesa del primo full lenght di questa ottima band possiamo pacificamente elogiare le doti artistiche e musicali dei Sinatras che sono stati in grado di autoprodurre un lavoro ben riuscito con altrettanta tecnica stellare assolutamente coinvolgente.

Track by Track
  1. Contamination 85
  2. Frank is Back 85
  3. Sunshine 80
  4. The Game 80
  5. W.A.F.S. 75
  6. All or Nothing 85
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 90
Giudizio Finale
81

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 15.04.2015. Articolo letto 1087 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.