Centvrion «Invulnerable» (2005)

Centvrion «Invulnerable» | MetalWave.it Recensioni Autore:
BurdeN »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
1408

 

Band:
Centvrion
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Centvrion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Centvrion

 

Titolo:
Invulnerable

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Germano : voce
Luciano : chitarra
Fabio : chitarra
Massimiliano : basso
Emanuele : batteria

 

Genere:

 

Durata:
49' 0"

 

Formato:

 

Data di Uscita:
2005

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Quarto disco e quarta colata di acciaio fuso sulle nostre povere orecchie, sto parlando degli italianissimi Centvrion, che con questo nuovo “Invulnerable” mettono a segno un colpo davvero niente male di True Metal con le palle in tutto e per tutto.
L’aria che si respira è delle migliori, e già le prime due tracce “Virus Just” e “Man of Tradition” sono la piena e viva testimonianza di come si possa suonare ancora oggi sano e puro Heavy Metal, ok non sarà la cosa più originale in commercio, ma sicuramente sul mercato è una delle cose con più spessore qualitativo, che per come la vedo io è la cosa che conta di più.
Rispetto ai tre dischi precedenti questo nuovo album risulta anche più vario e arioso nelle soluzioni, brani come “Standing On the Ruins” e “Trascendence” non sono solo delle boccate d’aria in mezzo a queste esplosioni di metallo, ma più che altro sono la prova di come oggi i Centvrion siano in gradi di costruire trame musicali eterogenee ma sempre personali e coinvolgenti, insomma una passo avanti verso la piena e completa maturità.
Come sempre molto interessante l’apparato lirico del cd, basato su vicende storiche vere, ormai e credo che il nome della band parli chiaro, senza ulteriori delucidazioni…
In fine ci si mette anche un’ottima produzione a risaltare le chitarre, spesse e profonde, ma anche molto raffinate che fanno coppia con l’ugola d’oro di Germano, sempre più ispirato e groovy nei suoi screaming di Halfordiana memoria… insomma un bel disco di sano e potente HEAVY METAL.

Track by Track
  1. The Force 60
  2. Virtus 80
  3. Man of Tradition 80
  4. Procreation to High 75
  5. Invulnerable 75
  6. Standind On the Ruins 80
  7. New Freedom 75
  8. Eternal Return 75
  9. Riding the Tiger 78
  10. Soul Deliverance 80
  11. Trascendence 85
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 85
  • Qualità Artwork: 85
  • Originalità: 65
  • Tecnica: 75
Giudizio Finale
77

 

Recensione di BurdeN » pubblicata il --. Articolo letto 1408 volte.

 

Articoli Correlati

News
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.