Plateau Sigma «The True Shape of Eskatos» (2014)

Plateau Sigma «The True Shape Of Eskatos» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
20.03.2015

 

Visualizzazioni:
1157

 

Band:
Plateau Sigma
[MetalWave] Invia una email a Plateau Sigma [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Plateau Sigma [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Plateau Sigma

 

Titolo:
The True Shape of Eskatos

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Nino Zuppardo :: Drums
Manuel Vicari :: Guitars, Vocals
Francesco Genduso :: Guitars, Vocals
Maurizio Avena :: Bass

 

Genere:
Doom / Death Metal

 

Durata:
1h 8' 19"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
29.09.2014

 

Etichetta:
Beyond... Productions
[MetalWave] Invia una email a Beyond... Productions [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Beyond... Productions

 

Distribuzione:
Masterpiece Distribution
[MetalWave] Invia una email a Masterpiece Distribution [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Masterpiece Distribution [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Masterpiece Distribution [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Masterpiece Distribution

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Gradevolissimo cd di debutto doom/death dei liguri Plateau Sigma, che condensano 6 tracce più intro in quasi 70 minuti di musica edita dalla Beyond Prods, e che addito da subito come uno dei dischi da avere in questo genere musicale.
Perché semplicemente le prime due canzoni sono semplicemente magiche, con “Satyriasis...” a manifestare uno stile comparabile a quello dei Pantheist solo con meno influenze della musica classica e sul finire alla Dolorian, mentre sono i grandi My Shameful a farsi sentire nella più asfittica “Stalingrad”, dall’ottimo feeling crepuscolare nella parte acustica e con voce pulita dei suoi inospitali quasi 15 minuti di musica, spesso sostenuti da una linea melodica abbozzata ma riuscita. Tuttavia, i PS non sono solo questo: se infatti “Angst” è più elettrica e ombrosa e con melodie scomposte, lo stile musicale si rivela splendente nella quasi completamente psichedelica conclusiva “Amber Eyes”, non molto elettrica e anzi che più volte fa venire in mente le divagazioni dei Pink Floyd, tanto da definirla senza dubbio il brano migliore del disco, e con una vena più progressive alla Mar de Grises che ammanta la quinta canzone, e una più post con tanto di sax che si sente nella quarta canzone, strumentale, che è anche la mia meno preferita, ma più per incompatibilità di genere che altro.
Insomma: un capolavoro, più o meno. I Plateau Sigma sono una band dal potenziale eccellente ed elevato, che costituisce tra le migliori cose mai sentite nel genere doom in Italia. Credo che non ci sia tanto da descrivere questo cd quando da andarlo a sentire, quindi se questo genere musicale è quello che fa per voi, l’acquisto è obbligatorio.

Track by Track
  1. The Initiation - Intro S.V.
  2. Satyriasis And The Autumns Ends 90
  3. Stalingrad 90
  4. Ordinis Supernova Sex Horarum 70
  5. The river 1917 75
  6. Angst 80
  7. Amber Eyes 95
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 90
  • Qualità Artwork: 90
  • Originalità: 90
  • Tecnica: 90
Giudizio Finale
86

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 20.03.2015. Articolo letto 1157 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.