Theatres Des Vampires «Pleasures and Pain» (2005)

Theatres Des Vampires «Pleasures And Pain» | MetalWave.it Recensioni Autore:
BurdeN »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
1455

 

Band:
Theatres Des Vampires
[MetalWave] Invia una email a Theatres Des Vampires [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Theatres Des Vampires [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Theatres Des Vampires

 

Titolo:
Pleasures and Pain

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Sonya Scarlet :: voce
Robert :: chitarra
Fabian :: tastiera
Zimon Lijoi :: basso
Gabriel :: batteria

 

Genere:

 

Durata:
50' 0"

 

Formato:

 

Data di Uscita:
2005

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Dopo svariate peripezie… cambi di etichetta, cambi di formazione (soprattutto) c’è l’hanno fatta e sono tornati fra noi con un nuovo disco niente male che rimescola le carte in tavola, e trova l’asso vincente proprio nella “nuova” cantante, ossia Sonya Scarlet, prima esclusivamente impegnata ai cori femminili.
Veniamo al dunque, “Pleasure & Pain”! Un album che spiazzerà di certo qualche fan ormai convinto che dal precedente “Nightbreed of Macabria” ci sarebbe stata un’ulteriore e decisiva svolta melodica… bene, niente di tutto ciò, perché proprio nei solchi di questa nuova fatica discografica si torna a respirare un’atmosfera particolarmente cupa e passatemi il termine, grezza, vuoi per una produzione molto asciutta e live, vuoi anche per un approccio molto rock oriented di Scarlet il gioco è fatto! Sto parlando ad esempio dell’opener “Pleasure & Pain”, con quelle tastiere cosi funebri e malinconiche che fanno il paio con una sezione ritmica allo stesso tempo pulsante e dinamica… si respira un’aria di contrasti, ma bene equilibrati e pesati, non a caso il titolo del disco rispecchia in qualche modo quello che sto cercando di dirvi da inizio recensione.
Il viaggio continua inesorabile attraverso le bellissime “Let Me Die”, “Solitude”, “Forever in Death” e in assoluto “Rosa Mistero”, vera e propria gothic hit con quel ritornello fra il malinconico e il trascinante, che cantato in italiano ha sicuramente un fascino tutto suo (complimenti anche per la decisione di interpretarlo in lingua madre, una scelta che inizia sempre di più a farsi strada nel panorama metal nostrano).
Come avrete già capito qualcosa è cambiato, gli equilibri stanno mutando verso qualcosa di nuovo da quello che i Theatres Des Vampires rappresentavano prima che Scarlet assumesse il comando, e mi sembra anche che sia giusto cosi, Sonya ha personalità e carattere da vendere, e lo si può sentire tranquillamente ascoltando “Pleasure & Pain”, un disco oserei dire viscerale, pensato per esplodere dal vivo, almeno è questa la prima sensazione che avuto ascoltandolo.
Tanto per mettere la ciliegina sulla torta come non chiamare in causa il bellissimo artwork che vede ancora una volta Sonya Scarlet protagonista, insomma per farla breve, ottimo ritorno, più diretto, più efficace e meno plastico, oserei dire più spontaneo, e intanto un’altra conferma è giunta, Theatres Des Vampires!

Track by Track
  1. Pleasure & Pain 70
  2. Never Again 79
  3. Rosa Mistero 80
  4. Solitude 80
  5. My Lullabye 75
  6. Forever In Death 75
  7. Let Me Die 85
  8. Black Mirror 75
  9. Reason and Sense 85
  10. Mater Tenebrarum 75
  11. Pleasure & Pain (Remix by Bruno Kramm, Das Ich) 85
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 85
  • Originalità: 75
  • Tecnica: 75
Giudizio Finale
78

 

Recensione di BurdeN » pubblicata il --. Articolo letto 1455 volte.

 

Articoli Correlati

News
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.