Schysma «Idyosyncrasy» (2014)

Schysma «Idyosyncrasy» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Andreas X »

 

Recensione Pubblicata il:
01.03.2015

 

Visualizzazioni:
937

 

Band:
Schysma
[MetalWave] Invia una email a Schysma [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Schysma [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Schysma [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Schysma [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Schysma

 

Titolo:
Idyosyncrasy

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Martina Bellini - Keyboard and Programming
Giorgio Di Paola - Bass Guitar
Riccardo Minicucci - Lead and Backing Vocals
Vladimiro Sala - Lead Guitar
Lucas Solina - Drums and Percussions

 

Genere:
Power Prog

 

Durata:
53' 5"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
24.11.2014

 

Etichetta:
Revalve Records
[MetalWave] Invia una email a Revalve Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Revalve Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Revalve Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Da Milano arriva il primo full lenght degli Schysma, band prog metal attiva già da qualche anno.
Va subito detto che “Idiosyncrasy” è un album obiettivamente difficile da capire, va ascoltato più e più volte per poterlo apprezzare appieno. Ma d’altronde, il bello del prog è proprio questo!
Le dichiarate influenze prog, heavy ed elettroniche si sentono tutte, (un po’ meno quelle symphonic, quantomeno nell’accezione più classica del termine), anche se non si coglie facilmente un filo conduttore e non si capisce ancora bene dove il combo milanese voglia andare a parare. Ma la stoffa c’è, su questo non si discute.
Si potrebbe obiettare che nel suo complesso il lavoro è “lento”: non tutti i brani hanno, infatti, lo stesso tiro, e la lunghezza media (intorno ai cinque minuti) degli stessi rischia di far calare l’attenzione di chi ascolta, vanificando in un certo qual modo lo sforzo tecnico (ognuno dimostra di saperci davvero fare con il proprio strumento).
È un lavoro che dimostra comunque come gli Schysma abbiano già acquisito una certa maturità compositiva: le idee espresse non sono assolutamente banali e spesso l’ascoltatore rimane catturato da passaggi veramente eleganti.
La produzione è di livello, suoni (scelti con gran gusto) e volumi sono ben bilanciati, salvo forse la voce lasciata un pelino indietro.
Consigliato agli amanti del prog metal.

Track by Track
  1. Lost In The Maze 70
  2. The Noise Of Silence 65
  3. Herematic 60
  4. Pendulum 60
  5. Migdal 60
  6. Supreme Solution 65
  7. Need A Chance 70
  8. Invictus 65
  9. Sinners 70
  10. Time Man 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 90
  • Qualità Artwork: 65
  • Originalità: 85
  • Tecnica: 90
Giudizio Finale
69

 

Recensione di Andreas X » pubblicata il 01.03.2015. Articolo letto 937 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.