Deathrage «Self Conditioned, Self Limited (reissue)» (2014)

Deathrage «Self Conditioned, Self Limited (reissue)» | MetalWave.it Recensioni Autore:
FallenAngel »

 

Recensione Pubblicata il:
25.01.2015

 

Visualizzazioni:
1162

 

Band:
Deathrage

 

Titolo:
Self Conditioned, Self Limited (reissue)

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Roberto Sambusida - Batteria
Lorenzo Marconi - Chitarra
Massimo De Stefanis - Chitarra
Mauro Tonon - Voce
Alex Vicini - Basso

 

Genere:
Thrash Metal

 

Durata:
51' 26"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
26.05.2014

 

Etichetta:
Punishment 18 Records
[MetalWave] Invia una email a Punishment 18 Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Punishment 18 Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Punishment 18 Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Punishment 18 Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di Punishment 18 Records

 

Distribuzione:
Andromeda Distribuzioni Discografiche
[MetalWave] Invia una email a Andromeda Distribuzioni Discografiche [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Andromeda Distribuzioni Discografiche [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Andromeda Distribuzioni Discografiche
Code7 Distribution
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Code7 Distribution
Plastic Head
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Plastic Head [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Plastic Head

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Correva l'anno 1988, quando i milanesi Deathrage, nati dalle ceneri dei Virus, incisero il loro primo full-lenght intitolato "Self conditioned, self limited". A distanza di quasi trent'anni, la nostrana Punishment 18 Records, decide di ristampare il platter e di riproporlo al pubblico metal.
Il combo lombardo si cimenta in un sapiente mix di hard core e thrash metal squisitamente anni '80 e, fin dalle prime note dell'opener "Hard times are coming" ci travolgono con un suono ruvido e potente al tempo stesso, che pesca chiaramente dei conterranei Bulldozer, passando per i primi Metallica, mantenendo una personalità davvero gradevole ed accattivante.
Le sei corde di Lorenzo Marconi e Massimo De Stefanis ci martellano i padiglioni auricolari grazie a riff cadenzati e granitici che aumentano di ritmo con l'incalzare dei vari brani alternando momenti maggiormente cupi e "riflessivi" a parti più ritmate in cui la sezione ritmica la fa da padrona con vere e proprie cavalcate di batteria.
Non c'è da stupirsi se, in brani come "Self-limited", troviamo una notevole influenza dei Nuclear Assault di "Handle with care" sia per il sound che per la struttura della song stessa; il fatto è che l'energia sprigionata dai Deathrage è davvero notevole, e riesce a tenere l'ascoltatore appiccicato alle casse fino all'ultimo secondo.
Oltre all'aspetto prettamente tecnico, è veramente interessante sentire come, da ogni singola nota presente nel cd, riesca a permeare lo spirito musicale della scena metal italiana anni '80; trasportando i metaller più datati attraverso un "magico" viaggio nei meandri di una Milano musicale fumosa e underground mai dimenticata nonostante siano passati diversi decenni.
All'interno della ristampa troviamo anche quattro brani in versione "demo" che ci presentano un'altro squarcio della vita musicale della band.
Questo "Self conditioned, self limited" è quindi una sorpresa più che piacevole che dà la possibilità di ascoltare dell'ottima musica metal nostrana datata, ma sempre attuale; è un'occasione sia per i nostalgici del genere, sia per chi si è perso certe emozioni perché era troppo giovane.

Track by Track
  1. Hard times are coming 80
  2. Killing for fame 75
  3. United States of Redskins 75
  4. Self-Limited 80
  5. Call of Death 75
  6. Black and White Pregress 80
  7. Master of Nothing 75
  8. Deathrage 80
  9. Call of Death (demo) 70
  10. Tramp's Choice (demo) 70
  11. Master of Nothing (demo) 75
  12. Deathrage (demo) 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 75
  • Tecnica: 75
Giudizio Finale
75

 

Recensione di FallenAngel » pubblicata il 25.01.2015. Articolo letto 1162 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.