Nero Capra «Mefisto Manna» (2014)

Nero Capra «Mefisto Manna» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
17.01.2015

 

Visualizzazioni:
1372

 

Band:
Nero Capra
[MetalWave] Invia una email a Nero Capra [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Nero Capra

 

Titolo:
Mefisto Manna

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Beppe Mondini :: Drums
Alessandro Battezzati :: Guitars
Mirco Rizzi :: Guitars, Vocals

 

Genere:
Death Metal

 

Durata:
30' 47"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2014

 

Etichetta:
Warhell Records
[MetalWave] Invia una email a Warhell Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Warhell Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Warhell Records
Justified Violence Records
[MetalWave] Invia una email a Justified Violence Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Justified Violence Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Justified Violence Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Justified Violence Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Davvero non male questo secondo album della F.O.A.D. Records dei Torinesi Nerocapra: corto, potente, violento e conciso, “Mefisto Manna” affascina principalmente per una vera e dura voglia di suonare quel metal estremo fine anni 80 – inizio anni 90, dove death, black e thrash erano tutti mescolati tra loro perché non ben scissi, e anzi riproposti in una miscela micidiale, che nell’opener “fame d’aria” aggredisce con questo suo andamento tra Bestial Goat e Beherit addirittura, solo con una qualità sonora decisamente più decente, anche se per niente moderna.
L’ascolto dell’album tuttavia rivela una band forse più inquadrabile come death metal, che eccelle nella sepolcrale title track, nella assassina “Urla di strappi” e in “Primitivo”, della serie: un titolo di canzone, un programma! Per la verità, però, un certo punto debole di quest’album c’è: dopo l’intermezzo “Putrefazione”, infatti, la qualità della band cala un pochino, e ci troviamo di fronte a due brani come “Reprobo” e “Cerchi” decisamente meno ispirati e meno violenti, non che sembrino dei filler ma quasi, e il disco scorre un po’ meno. Certo, c’è una ripresa con la thrashy e lineare, nonché vagamente black, “Uccido la bestia”, ma è comunque qualcosa di meno brillante rispetto al fulminante inizio dell’album.
In altre parole, “Mefisto Manna” poteva essere una bella bomba di poco meno di 31 minuti, ma in realtà i brani che davvero mi hanno convinto sono più che altro i primi 4, mentre per il resto la band sembra meno a fuoco e il cd non da quello che mi aspettavo a inizio dello stesso, e ne risulta un buon album, consigliato comunque per i fan del metal estremo più primordiale, ma che non è neanche il massimo. Peccato.

Track by Track
  1. Fame d’aria 80
  2. Mefisto manna 75
  3. Urla di strappi 75
  4. Primitivo 75
  5. Putrefazione (Intermezzo) S.V.
  6. Reprobo 65
  7. Cerchi 60
  8. Uccido la bestia 70
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 65
  • Originalità: 75
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
70

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 17.01.2015. Articolo letto 1372 volte.

 

Articoli Correlati

Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.