Disharmonic «Il Rituale dei Non Morti» (2014)

Disharmonic ĞIl Rituale Dei Non Mortiğ | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
12.12.2014

 

Visualizzazioni:
874

 

Band:
Disharmonic
[MetalWave] Invia una email a Disharmonic [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Disharmonic [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Disharmonic [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Disharmonic [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Disharmonic

 

Titolo:
Il Rituale dei Non Morti

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Lord Daniel Moloch Omunghus :: Drums
Sir. Robert Baal :: Guitars
Barone Von Hayden :: Bass
Profeta Isaia :: Vox

 

Genere:
Black Metal / Occult Doom

 

Durata:
16' 23"

 

Formato:
EP

 

Data di Uscita:
08.05.2014

 

Etichetta:
Beyond... Productions
[MetalWave] Invia una email a Beyond... Productions [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Beyond... Productions

 

Distribuzione:
Masterpiece Distribution
[MetalWave] Invia una email a Masterpiece Distribution [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Masterpiece Distribution [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Masterpiece Distribution [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Masterpiece Distribution

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Sinceramente, dal ritorno sotto Beyond Productions dei Disharmonic, band da Pordenone che propone un mix tra doom, ambient e uno stile tipo colonna sonora, il tutto mescolato a un feeling horror niente male, mi aspettavo di meglio.
Il fatto è che pur essendo un EP di 3 tracce per 16 minuti e mezzo di musica, “Il Rituale dei non morti” mi lascia con notevoli punti positivi annotati, ma dall’altra ha delle pecche clamorose. Il lato positivo è senz’altro dato dalla prima traccia caratterizzata da un ottimo feeling creepy e tumultuoso all’inizio della canzone, che poi riesce grazie a un eccellente lavoro del chitarrista, a esplodere in un brano doom melodico eppure dal mood particolarmente sacrilego, non tanto da soundtrack quanto da brano vero e proprio. Eppure il resto dell’EP non mi risulta per niente essere all’altezza, e tralasciato un sempre ottimo riffing, le altre due tracce secondo me diventano pretenziose e la band prova a buttarsi su canzoni che definirei ambient (in quanto la voce e gli strumenti sono presenti, ma non c’è una forma canzone e la voce è recitata più che avere un testo), ma pare quasi che i Disharmonic qui non sappiano regolarsi: i riffs diventano tutti troppo ripetuti, e francamente all’inizio della terza canzone il riff che prosegue dalla seconda mi ha annoiato e mi è venuta solo voglia di dire “e cambiatelo, sto riff”, mentre la voce filtrata dovrebbe dare un tocco creepy e agghiacciante, ma non ce la fa per niente: mi sembra troppo filtrata e più che impressionare, mi ha solo fatto chiedere cosa abbia detto il cantante e a volte mi ha perfino fatto sorridere, io che adoro questo tipo di “Horror music”, chiamiamola così.
Mi spiace, ma devo essere sincero: interessanti quando fanno doom, pretenziosi, ripetitivi e grossolani quando si buttano sull’ambient. Probabilmente inquadrati in un film questi brani non sarebbero male, ma così come sono non rendono l’idea, e dopo ripetuti ascolti ho pensato che forse a parte il riffing oculato, lo sforzo in questo EP non è affatto ineguagliabile. Insomma: aspettiamo magari il full length e quindi sospendiamo il giudizio, ma onestamente ne sono rimasto poco impressionato.

Track by Track
  1. Il Rituale Dei Non Morti I 75
  2. Il Rituale Dei Non Morti II 55
  3. Il Rituale Dei Non Morti III 55
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 65
  • Qualità Artwork: 65
  • Originalità: 55
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
63

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 12.12.2014. Articolo letto 874 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.