MUD «From the Bottom» (2014)

Mud «From The Bottom» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
06.12.2014

 

Visualizzazioni:
1022

 

Band:
MUD
[MetalWave] Invia una email a MUD [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di MUD [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di MUD [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di MUD [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di MUD [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di MUD

 

Titolo:
From the Bottom

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
AldoHC :: Vocals
Luca B :: Guitar
Sapo :: Drums
Ilaria :: Bass

 

Genere:
Hardcore

 

Durata:
28' 30"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
17.04.2014

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Ancora Abruzzo su queste pagine, ma stavolta si tratta di Hardcore proveniente da Teramo, nella fattispecie I MuD, che arrivano al loro secondo album “From the bottom”, fatto da 28 minuti e mezzo per 10 tracce sparatissime e senza tirare il fiato.
Cosa è questo disco lo mette in chiaro “Destroy this fucking place”, un attacco diretto e molto potente senza fronzoli ma con riffs ben elaborati e a fuoco, che evitano genericità di qualsiasi tipo e che invece di andare sul punk raggiungono lidi metal in questa canzone e in “Another Revenge”, che prima parte lenta e poi trita tutto con un blast beat che metterà a dura prova le ossa dei malcapitati sotto al palco, così come “No social life”, brano da mosh per eccellenza. E il disco è quasi tutto così, aggressivo nelle parti veloci e con grooves micidiali che affiorano qua e là, come nella riuscitissima “La Raje Crew”, quasi da inno per la crew di cui giustamente questa band sembra proprio andar fiera. Poco è concesso alle variazioni musicali, e quel poco si può sentire ad esempio in “Liar” che è il brano più vario dell’intero disco e che cerca di allargare un po’ le influenze.
Non è possibile citare un brano migliore degli altri sia perché questo genere musicale punta tutto sull’impatto di ogni brano, sia perché qui davvero la qualità è alta: non ci troviamo di fronte a un disco competitivo perché casinista, ma perché, semplicemente, ciò che fa magari sarà non originale e già sentito, ma non è questo ciò che è importante in questo genere. Acquisto caldamente consigliato agli amanti dell’hardcore, e anche i fans del metal estremo potrebbero facilmente trovare pane per i loro denti, a partire da chi apprezza il thrash metal più aggressivo, ed è proprio a questa fascia di pubblico che “From the bottom” è consigliato. Cannonata di album.

Track by Track
  1. Destroy this fucking place 80
  2. Another revenge 75
  3. No Social Life 75
  4. Insiders 75
  5. What I See Sucks (Feat. MarcoNarco) 75
  6. M.B.M. 75
  7. Declarations (feat. Fango Vibratacore) 80
  8. Liar 80
  9. La raje crew 85
  10. Do it yourself 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
76

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 06.12.2014. Articolo letto 1022 volte.

 

Articoli Correlati

News
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.