Sleazer «Heroes of Disgrace» (2014)

Sleazer «Heroes Of Disgrace» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
04.12.2014

 

Visualizzazioni:
1222

 

Band:
Sleazer
[MetalWave] Invia una email a Sleazer [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Sleazer [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Sleazer

 

Titolo:
Heroes of Disgrace

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Andrea Vecchiotti :: Vox
Edoardo Artibani :: Guitar
Clemente Cattalani :: Guitar
Diego Sbriscia :: Bass
Amedeo Paolini :: Drums

 

Genere:
Heavy Metal

 

Durata:
23' 38"

 

Formato:
EP

 

Data di Uscita:
2014

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Da Senigallia arrivano questi promettentissimi Sleazer, fautori di un vivacissimo esempio di Metal/Rock (più metal però) che condensa 5 tracce in 23 minuti e mezzo di musica.
Ok, sentendo la prima canzone magari si potrà dire che gli Sleazer non sono niente di originale, ma personalmente ne apprezzo l’onestà compositiva, senza pretese ma che non per questo non è godibile, e comunque è solo l’inizio: “Feel the fire” è divertente, potente e sfrontata, un po’ come i primi Saxon, lineare e semplicissima, ma con dei cori che fanno risaltare il ritornello, ed è questa la vera faccia degli Sleazer, quelli dell’heavy metal anni ottanta, che ti prendono e che ti conquistano con una musica che non ha orpelli, e che punta tutto nell’ultima “Sabbath Lord” su un ritmo spedito ma non troppo e da pogata, che da live renderà a manetta. E se ve lo chiedete, sì: c’è anche l’episodio speed metal in up tempo e aggressivo.
Insomma: ma come fai a voler male a bands così genuine e fiere di fare il genere che fanno? Ok, magari non rivoluzioneranno ancora il mondo, ma Heavy Metal così genuino e di tale qualità che non puzzi di revival non se ne fa molto, attualmente. Se per voi gli anni 80 sono la vera decade del metal, se siete fanatici di metal classico e se pensate che Steve Grimmett sia uno dei migliori cantanti metal di sempre perché non dare una chance a questa band?

Track by Track
  1. Eat the dust 70
  2. Feel the fire 75
  3. Too hot to handle 70
  4. Heroes of disgrace 75
  5. Sabbath Lord 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 75
  • Tecnica: 75
Giudizio Finale
73

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 04.12.2014. Articolo letto 1222 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.