Faithsedge «The Answer Of Insanity» (2014)

Faithsedge «The Answer Of Insanity» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
23.11.2014

 

Visualizzazioni:
1014

 

Band:
Faithsedge
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Faithsedge [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Faithsedge

 

Titolo:
The Answer Of Insanity

 

Nazione:
U.s.a.

 

Formazione:
Giancarlo Floridia :: Vocals, Guitar
Alex De Rosso :: Lead Guitar
Tony Morra :: Drums
Eric Ragno :: Keyboards
Fabrizio Grossi :: Bass

 

Genere:
Heavy Metal / Hard Rock / Progressive

 

Durata:
45' 49"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
01.09.2014

 

Etichetta:
Scarlet Records
[MetalWave] Invia una email a Scarlet Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Scarlet Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Scarlet Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Il secondo album dei Faithsedge arriva come un fulmine a ciel sereno. E dimostra tutte le capacità di una band con membri dal pedigree molto interessante, tanto che vi basti sapere che il chitarrista solista, Alex De Rosso, è stato un turnista per i Dokken.
E infatti sentendo l’album questa influenza dei classici dei rock anni 80 e affini è tangibile, e non solo, l’album suona molto ben fatto e realizzato da gente esperta, che sa come approcciarsi a queste sonorità. E pensare che una opener fiacca come “Now I know the truth” mi faceva pensare ad una band sulla falsariga dei Faith no more senz’arte né parte, ma in realtà il risultato si rivela dalla catchy e riuscitissima “Revolve my world” e da “The way I have to let you go”, interessante e grintosa nel ritornello, nonché parecchio cantabile. E da qui a dire la verità fino alla fine dell’album, difficilmente si sbaglia un colpo: la band sfodera tutta una serie di brani che ok, magari non saranno personalissimi o innovativi (addirittura residuali forse nell’opener “Pray for this” di qualche riff non utilizzato), ma che invero sono parecchio godibili e spazianti tra generi, con la grintosa e sudaticcia “Saving anything” o la quasi gothic/rock “When I lost you”, il tutto con un contorno di perizia tecnica davvero invidiabile.
Resta, a fine ascolto, un sorriso. Ma anche un quesito: questo cd è davvero imprescindibile? Voglio dire, prende bene ok, ma resta un retrogusto di “non so fino a che punto me lo ricorderò”, come se “The answer of insanity” tutto sommato osasse poco e svolgesse un discorso andando sul sicuro e senza rischiare troppo, però. In altre parole: l’album è senz’altro buono e parecchio gradevole, ma se vi aspettavate un capolavoro, forse ne rimarrete un po’ delusi. Prendetelo per quello che è: un buon album rock stile anni 80 e senza prog (la band annovera nella sua definizione questo genere, ma io non ce l’ho sentito), che magari non spaccherà il mondo, ma che può senz’altro appassionare. Sette più.

Track by Track
  1. Now I know the truth 65
  2. Revolve my world 75
  3. The Way I Have To Let You Go 75
  4. Are we gonna stand 75
  5. Comes crashing down 75
  6. Saving anything 75
  7. Pray for this 65
  8. Until your home 75
  9. When I lost you 75
  10. Destroy you 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
73

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 23.11.2014. Articolo letto 1014 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.