As A Conceit «Ebb / Flow» (2014)

As A Conceit «Ebb / Flow» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
17.11.2014

 

Visualizzazioni:
898

 

Band:
As A Conceit
[MetalWave] Invia una email a As A Conceit [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di As A Conceit [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di As A Conceit [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di As A Conceit

 

Titolo:
Ebb / Flow

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Fabio Bullo :: Vocals
Giovanni Bottan :: Guitar
Andrea Comacchio :: Guitar
Filippo Dart :: Bass, Clean Vocals
Alessandro :: Drums

 

Genere:
Metalcore

 

Durata:
18' 39"

 

Formato:
EP

 

Data di Uscita:
12.06.2014

 

Etichetta:
MYO Agency
[MetalWave] Invia una email a MYO Agency [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di MYO Agency [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di MYO Agency

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Gli As a Conceit sono una band metalcore italiana, non si sa di preciso da quale provincia, che arriva al proprio debutto discografico con questo EP misteriosamente chiamato “Ebb/Flow”, che condensa 5 tracce in 18 minuti e mezzo di musica.
Una musica che musicalmente va crescendo con l’ascolto dell’EP, nel senso che le prime due canzoni non mi sembrano essere niente di speciale a livello di riffs, con troppi riffs generici sulle corde base e i consueti accordi aperti nei ritornelli, che però vengono infastiditi dal fatto che il cantante Fabio Bullo praticamente canta di continuo, non veloce, ma riempie così tanto i brani della sua voce, che ben presto a me è venuta a noia per il fatto di sentirla costantemente urlata, anche nei ritornelli consuetamente più melodici, e questo anche a scapito di “The blue ringed”, canzone più personale e meglio assemblata, che sarebbe stata una buona canzone se nonostante il ritornello pulito del bassista il cantante continuasse a cantare. Più o meno lo stesso discorso si può fare per “Rough Waters”, canzone molto epica nel ritornello e dotata di un cantato continuo durante le strofe; va rilevato che almeno qui gli As a conceit riescono a realizzare una parte che concede respiro al brano senza che ci sia il cantato urlato ma solo quello pulito, anche se non ho apprezzato il fatto che finisce incompiuta. Niente di che anche la conclusiva “Living Entities”, dove dei passaggi di batteria fin troppo elaborati e coi volumi a manetta, insieme a una tastiera inopportuna, impedisce al brano di sprigionarsi.
Insomma: come ogni release metalcore tutto è pompato e triggerato, ma forse come inizio gli As A Conceit hanno un po’ esagerato e non tendono a regolarsi troppo nelle loro canzoni. Consiglio per la prossima release un maggiore dosaggio delle varie componenti dei brani, a partire da voce e volumi. Per il resto, se il genere v’interessa, provate a dargli un ascolto.

Track by Track
  1. Rainbringer 60
  2. Integrity 60
  3. The blue ringed 70
  4. Rough waters 70
  5. Living entities 65
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 65
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 65
  • Tecnica: 65
Giudizio Finale
66

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 17.11.2014. Articolo letto 898 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.