Calista Divine «Vacante» (2014)

Calista Divine «Vacante» | MetalWave.it Recensioni Autore:
F »

 

Recensione Pubblicata il:
14.11.2014

 

Visualizzazioni:
1206

 

Band:
Calista Divine
[MetalWave] Invia una email a Calista Divine [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Calista Divine [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Calista Divine [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Calista Divine

 

Titolo:
Vacante

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Fabio Conti: chitarra, synth
Riccardo Scaramagli: basso
Lorenzo Anceschi: chitarra
Marco Bolognini: batteria

 

Genere:
Post-Rock / Ambient

 

Durata:
40' 0"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2014

 

Etichetta:
Front of House Records
[MetalWave] Invia una email a Front of House Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Front of House Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Front of House Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Front of House Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Front of House Records

 

Distribuzione:
Audioglobe
[MetalWave] Invia una email a Audioglobe [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Audioglobe [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Audioglobe [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Audioglobe [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Audioglobe

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Esiste un approccio interessante alla musica strumentale: se quella cantata è un messaggio che va da chi canta a chi ascolta, quella strumentale può essere intesa come un discorso tra gli strumenti, che dialogando tra di loro (si) raccontano una storia, e la lasciano intendere a chi dovesse prestare orecchio, così come chi si dovesse trovare ad ascoltare un discorso altrui potrebbe coglierne il senso, o interpretarne uno, senza mai esserne veramente coinvolto o essere il destinatario di un messaggio preciso.

Il dialogo dei quattro strumenti qua è compatto, moderno, potente, evocativo e ben riflette le anime post-rock, rock, elettroniche (e chissà cos'altro) che compongono e spingono il suono in mezzo e oltre le insidiose banalità del genere.
La batteria suona potente e pulita, e reclama un ruolo di prim'ordine nel dettare ritmo ed umore. Non è mai scontata, non teme il confronto con gli orpelli elettronici, ma ci gioca e li integra nel discorso tenendoli a bada. Il basso ne è il degno comprimario, letteralmente basso, caldo e coprente, in fondo rassicurante.
Le chitarre vanno ascoltate con cura e attenzione: non dialogano a viso aperto coprendo gli altri come spesso e volentieri accade nei fraseggi post-rock strumentali, ma piuttosto tessono un tappeto intricato di riff e arpeggi e linee melodiche che non bisogna lasciarsi sfuggire (pena la mancata comprensione del discorso intero). Nessuna delle due prevalica mai l'altra e nessuna viene mai messa davvero in secondo piano; si integrano fino a non distinguersi quasi più, come amiche strette o sorelle in sintonia quasi morbosa che si sussurrano all'orecchio mentre tutti nel gruppo chiacchierano.

Il discorso globalmente ha degli alti e bassi, è un forte-piano che ci si aspetta, ma che spesso non accade quando sarebbe proprio lecito aspettarselo: questo spiazza, anche e soprattutto piacevolmente.
L'apertura è la summa di tutto, introduzione cauta, riflessiva, per finire in un grandioso crescendo con distorsioni e percussioni ad incalzare ("Astray"); si prosegue bene, con ancora più elettronica sempre inserita alla perfezione nel contesto ("High"). Mantenere alto il livello è però dura, gli argomenti possono mancare, anche i migliori parlatori hanno bisogno talvolta di una pausa: l'importante è rispettarla, farla restare tale e non cedere all'horror vacui riempiendola di nulla ("Abstraction", "Watering").

Gli strumenti dei Calista Divine parlano molto bene e articolano un discorso senz'altro molto interessante, che va sviluppato e migliorato per resistere alle insidie del tempo, del genere e dell'auto-compiacimento. Meno mormorii ambient e un lavoro sulle dinamiche porterebbero senz'altro più ascoltatori a prestare l'orecchio e a farli partecipi del racconto, nel quale poi ognuno potrà, se vorrà, scrivere la propria personale pagina.
Ecco il bello della musica strumentale: non manca di qualcosa, ma al contrario è caleidoscopica e multiforme e mutevole; lascia spazio all'ascoltatore, a tutti gli ascoltatori - nessuno escluso - per divenire parte, ciascuno con le proprie sensazioni, emozioni, riflessioni, storie che solo per lui quel particolare pezzo racconterà.

Track by Track
  1. Astray 80
  2. Perception without object: desert 65
  3. High 80
  4. Be lost 65
  5. Abstraction S.V.
  6. Watering 60
  7. Vacante 70
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 90
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
71

 

Recensione di F » pubblicata il 14.11.2014. Articolo letto 1206 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.