Vidharr «Rising From Abyss» (2005)

Vidharr «Rising From Abyss» | MetalWave.it Recensioni Autore:
BurdeN »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
1193

 

Band:
Vidharr
[MetalWave] Invia una email a Vidharr [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Vidharr [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Vidharr [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Vidharr [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di Vidharr

 

Titolo:
Rising From Abyss

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Nuriel : voce
Morke : chitarra
Velnias : chitarra
Fo : batteria
Kyllian : basso

 

Genere:

 

Durata:
14' 3"

 

Formato:

 

Data di Uscita:
2005

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Giungono al debutto anche i romani Vidharr, interessantissima band dedita a sonorità incentrate fortemente nella vecchia scuola black metal norvegese, quella dei primi anni 90 tanto per intenderci.
Sgombriamo subito il campo da eventuali equivoci, se siete alla ricerca di originalità e innovazione a tutti i costi vi consiglio di rimanere alla larga da questo “Rising From Abyss”, se invece siete alla ricerca della Qualità, beh accomodatevi pure.
In soli 14 minuti i Vidharr riescono pienamente a focalizzare in maniera netta e ben definita il loro concetto di black metal, riffs gelidi e taglienti smorzati da improvvisi arpeggi malinconici, l’opener “Murder is Snow” credo parli chiaro… un concentrato di ottime sensazioni, che affiancate ad un ottimo senso della melodia (le canzoni si stampano immediatamente in testa) rendono questo demo cd veramente appetibile, raggiungendo l’apice per quanto mi riguarda nella seconda traccia “Evil Glory”, forse la summa stilistica di quello che sono oggi i Vidharr.
Il pregio di questa giovane band risiede proprio nella capacità di saper trasmettere sensazioni gelide, distanti, a tratti eteree ma contemporaneamente piene di quella energia grezza e primordiale del vero black metal, non ha caso la cover dei Carpathian Forest, riproposta a dovere mantenendo quel feeling necro che li ha resi grandi nella scena black metal contemporanea.
Questa piccola ma piacevole tempesta si chiude con “After the War”, outro dal titolo chiaro… la colonna sonora di quello che verrà dopo, nel caso dei Vidharr mi auguro il meglio!
Finalmente a Roma si respira aria di black metal, ora tocca a voi dargli un chance!

Track by Track
  1. Murden is Snow 80
  2. Evil Glory 80
  3. Carpathian Forest (cover) 70
  4. After the War 70
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 60
  • Tecnica: 60
Giudizio Finale
71

 

Recensione di BurdeN » pubblicata il --. Articolo letto 1193 volte.

 

Articoli Correlati

Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.