Bushi «Bushi» (2014)

Bushi «Bushi» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
27.09.2014

 

Visualizzazioni:
710

 

Band:
Bushi
[MetalWave] Invia una email a Bushi [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Bushi

 

Titolo:
Bushi

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Alessandro Vagnoni :: e-drums, G-stringed guitars, bass, vocals
Manuel 'Kopf' Coccia :: lead vocals
Caterina Trucchia :: lead vocals on track 6

 

Genere:

 

Durata:
26' 5"

 

Formato:
EP

 

Data di Uscita:
02.02.2014

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Discreto questo side project di Alessandro Vagnoni, ex batterista degli Infernal Poetry e ora nei Dark Lunacy, che ci propone un mini cd autoprodotto e acquistabile da bandcamp auto intitolato, che condensa 8 tracce per 26 minuti di una musica tecnicamente definibile come stoner, ma che qua e là varia le proprie influenze, con l’ecletticità di “Rolling heads”, la più alternative “The cherry tree” e cantabile, la stoner “A well aimed...”, e i tempi dispari di “Runaway horses” a farsi notare.
Formalmente l’album è ben fatto, ben suonato e dritto al punto con una manciata di canzoni che raramente vanno oltre 3 minuti e mezzo, il problema che però c’è in questo EP è dato dal fatto che sembra che il Vagnoni dalla sesta canzone in poi sembra aver finito le idee: “Typhoons” comincia in maniera molto convincente in quanto folle e sullo stile di certi Zippo (quelli italiani), ma termina nell’anonimato, la penultima “Hidden in leaves” invece è proprio niente di che, e l’ultima “Death poems” ricalca la sesta canzone: buona ma solo a metà e termina un po’ da nessuna parte.
Considerato il basso prezzo dell’EP (5 euro), “Bushi” è consigliabile a chiunque sia interessato a questo stoner/alternative, anche se il senso di non fondamentale riguardante questo EP per me è forte, sopperito abbastanza e solo in parte dall’originalità della proposta musicale.

Track by Track
  1. Rolling Heads 70
  2. The cherry tree 70
  3. A Well-aimed Blow Of Naginata 70
  4. Runaway horses 70
  5. The book of five rings 65
  6. Typhoons 60
  7. Hidden in leaves 60
  8. Death poems 60
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 65
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 65
Giudizio Finale
67

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 27.09.2014. Articolo letto 710 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.