Evergrey «Hymns For The Broken» (2014)

Evergrey «Hymns For The Broken» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Led »

 

Recensione Pubblicata il:
20.09.2014

 

Visualizzazioni:
1210

 

Band:
Evergrey
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Evergrey [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Evergrey [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Evergrey [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Evergrey

 

Titolo:
Hymns For The Broken

 

Nazione:
Svezia

 

Formazione:
Tom S. Englund (vocals, guitars)
Rikard Zander (keys, backing vocals)
Johan Nieman (bass, backing vocals)
Henrik Danhage (guitars, backing vocals)
Jonas Ekdahl (drums)

 

Genere:
Dark Melodic Metal

 

Durata:
58' 16"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
26.09.2014

 

Etichetta:
AFM Records
[MetalWave] Invia una email a AFM Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di AFM Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di AFM Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di AFM Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di AFM Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di AFM Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

‘Hymns For The Broken’ è l'ultima fatica della band Svedese "Evergrey ", quintetto che suona musica Metal con influenze melodiche grazie al buon lavoro sempre presente della sezione synth. "The Awaking" apre questo lavoro. Un'intro di poco più di un minuto che apre la pista al lavoro con il brano successivo "King Of Errors" caratterizzato da una buona esecuzione di figure rullanti accompagnate da chitarre e synth. La voce graffiante e potente da l'impronta Metal alla song che si alterna in momenti ora lenti ora speed. Il lavoro prende una forma sempre più veloce e potente con il brano "A New Dawn" con riff di chitarra che vanno a formare dialoghi con la sezione ritmica molto buoni, tutto molto ben enfatizzato con seconde voci e suoni campionati, senza mai uscire dalla linea Melodic Metal neanche quando alla metà del brano si apprezza l'idea di introdurre una linea di pianoforte. Sembra comunque una figura ricorrente quella di alternare momenti veloci a momenti più cadenzati dando così al cd un'impronta un pò altalenante. Come nella maggior parte dei lavori, si arriva alla song che dà una sorte di freno a tutto il lavoro e gli "Evergry" hanno pensato bene di farlo con ben due song "Wake A Change" e "Archaic Rage"
mischiando la vena metal con sezioni di chitarre distorte a synth e tastiere light che rimarcano ancora di più l'andamento che ho citato prima molto altalenante, in "Archaic Rage" possiamo apprezzare un buon cambio di tempo che porta il brano a livelli più alti e più inclini alla linea Metal che la band ha deciso di prendere. "Barricades" brano inserito nella parte centrale di ‘Hymns For The Broken’ ha il compito di dare un scossone a tutto il lavoro e lo fà molto bene grazie anche ai buoni dialoghi che si vengono a formare tra le chitarre tutto molto ben tenuto in piedi da una voce potente. E' inevitabile comunque ricadere in brani più soft dove il tutto poggia sull'esecuzione delle tastiere in modalità pianoforte "Black Undertow", "Missing You". La chiusura di questa ennesima fatica è affidata a due brani della durata di poco più di sette minuti l'ultimo dei quali è caratterizzata da una linea soft molto malinconica che vede protagonista la solita sezione di tastiere synth e una chitarra acustica che apre le danze. ‘Hymns For The Broken’ è un bel cd con sonorità molto ambient, e d'atmosfera, un lavoro Metal Melodic molto ben riuscito dunque l'ennesima buona conferma per la band degli "Evergrey".

Track by Track
  1. The Awakening 50
  2. King Of Errors 60
  3. A New Dawn 60
  4. Wake A Change 65
  5. Archaic Rage 75
  6. Barricades 65
  7. Black Undertow 70
  8. The Fire 70
  9. Hymns For The Broken 75
  10. Missing You 65
  11. The Grand Collapse 70
  12. The Aftermath 70
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
68

 

Recensione di Led » pubblicata il 20.09.2014. Articolo letto 1210 volte.

 

Articoli Correlati

News
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.