Oltrezona «Mosaico» (2014)

Oltrezona «Mosaico» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Jezebel »

 

Recensione Pubblicata il:
01.08.2014

 

Visualizzazioni:
1266

 

Band:
Oltrezona
[MetalWave] Invia una email a Oltrezona [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Oltrezona [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Oltrezona [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Oltrezona [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Oltrezona [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di Oltrezona

 

Titolo:
Mosaico

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Daniel - vocals
Sparta - guitar
Goro - guitar
Lord - bass
Sanchez - drums

 

Genere:
Metalcore

 

Durata:
41' 34"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2014

 

Etichetta:
MYO Agency
[MetalWave] Invia una email a MYO Agency [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di MYO Agency [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di MYO Agency

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Gli Oltrezona sono una band veneta attiva dal 1999 che, con il terzo studio album "Mosaico", propone dieci pezzi caratterizzati da un suono che è a metà tra l'omogenea pesantezza del metal anni '90 e la maneggevolezza delle dinamiche post-metal/hardcore contemporanee. La tessitura dei brani è complessa viste le diverse influenze che i membri della band intrecciano per arrivare al risultato finale, puntando su riff caleidoscopici sparati da chitarre potenti, consistenti e ispirate. La solida sezione ritmica regala dinamicità e rappresenta la scintilla che innesca i cambi tempo e i vertiginosi stacchi, mentre lo scream secco, assetato ed emotivo dona ruvidezza, ma anche scorrevolezza e vivacità ai brani. In "Hurricane" e "Vero Eroe" (quest'ultima con vocals in italiano!) le dinamiche non trovano riposo e forma, le chitarre nervose non mollano mai la presa. "Slowdown" e "Wonderland" sono più omogenee ed hardcore e, se la prima è frammentata da intermezzi melodici, nella seconda abbondano "slow" breakdown. Con "Oceano" la band veneta raggiunge l'apice compositivo inserendo ritmiche trash/death e sparando riff pesanti che tengono insieme la struttura in modo esemplare. "Miss Rocker" e "The Party Song" sono brani più veloci e alleggeriti, conditi da scream velenoso. In "Revolution", "Happy Birthday" e "Sahara" alla velocità dell'hardcore la band aggiunge una buona dose di groove. Con "Mosaico" gli Oltrezona danno prova di possedere uno stile maturo e decantato, molto vario ma altrettanto stabile, dotato di una certa consistenza anche grazie alle chiare radici old school hardcore/metal.

Track by Track
  1. Hurricane 75
  2. Slowdown 75
  3. Vero Eroe 70
  4. Wonderland 80
  5. Oceano 85
  6. Miss Rocker 70
  7. Revolution 75
  8. The Party Song 75
  9. Happy Birthday 75
  10. Sahara 80
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 80
  • Originalità: 75
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
77

 

Recensione di Jezebel » pubblicata il 01.08.2014. Articolo letto 1266 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.