Human Decay «Figli di Dio» (2014)

Human Decay «Figli Di Dio» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
12.07.2014

 

Visualizzazioni:
1233

 

Band:
Human Decay
[MetalWave] Invia una email a Human Decay [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Human Decay [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Human Decay [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Human Decay [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di Human Decay

 

Titolo:
Figli di Dio

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Michele Giromini :: Bass
Mattia Mornelli :: Drums
Jean Edifizi :: Guitars
Francesco Belloni :: Guitars, Vocals

 

Genere:
Thrash / Death Metal

 

Durata:
14' 28"

 

Formato:
EP

 

Data di Uscita:
2014

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Music Solutions Agency
[MetalWave] Invia una email a Music Solutions Agency [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Music Solutions Agency [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Music Solutions Agency [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Music Solutions Agency [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Music Solutions Agency [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Music Solutions Agency [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di Music Solutions Agency [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di Music Solutions Agency

 

Recensione

Gli Human Decay vengono da Aulla, toscana, e ci sottopongono, come prima prova discografica, un onesto EP di 3 brani death metal abbastanza old school che dura 14 minuti e mezzo.
In generale si può dire che è un buon inizio: la registrazione è piacevolmente old school, le canzoni sono gradevoli e abbastanza potenti, e su di esse svetta la migliore del lotto “Vampiri”, contorta ma non troppo ma con dei bei riffs a dare un buon tiro alle composizioni, ritmicamente abbastanza variegate. Il punto probabilmente è che “Figli di dio” va bene, ma rappresenta pur sempre un inizio di una band che va bene sotto tutti i punti di vista, ma può alzare il tiro e puntare all’eccellenza: serve meno tentennare sui tempi medi, servono più attacchi tipo Thrash old school, serve un po’ più di groove malato alla Bloodbath del primo album, più riffs disarmonici e linee soliste, e forse anche più pulizia in fase di registrazione, con i tempi non sempre totalmente rispettati e anche con aggiustamenti di volume, che qui hanno la voce troppo alta e le chitarre che non ruggiscono come dovrebbero.
Il voto finale premia una band che ha come unica colpa, come detto, quella di avere diverse armi ma tutte ancora da sviluppare e da ottimizzare. Se gli Human Decay sapranno fare questo, il loro prossimo sforzo discografico potrebbe essere una bomba. Nel frattempo, prendiamo “Figli di dio” per quello che è: un mini cd di debutto onesto e che non pecca mai di presunzione. Forza ragazzi, affilate le armi!

Track by Track
  1. Sperma Benedetto 65
  2. Vampiri 70
  3. Meschini Traditori 65
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 60
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 65
  • Tecnica: 65
Giudizio Finale
67

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 12.07.2014. Articolo letto 1233 volte.

 

Articoli Correlati

News
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.