Pino Scotto «Vuoti di Memoria» (2014)

Pino Scotto «Vuoti Di Memoria» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Papi »

 

Recensione Pubblicata il:
06.07.2014

 

Visualizzazioni:
1391

 

Band:
Pino Scotto
[MetalWave] Invia una email a Pino Scotto [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Pino Scotto [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Pino Scotto [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Pino Scotto

 

Titolo:
Vuoti di Memoria

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:

 

Genere:
Rock

 

Durata:
45' 15"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
22.04.2014

 

Etichetta:
Valery Records
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Valery Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Valery Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Valery Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
V-Promotion
[MetalWave] Invia una email a V-Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di V-Promotion

 

Recensione

Pino Scotto torna con un disco di cover , cinque italiane, cinque in inglese, più due inediti, rispettivamente in italiano e in inglese.
Personalmente, mi trovo a recensire per la prima volta un lavoro di questo “musicista”, più noto per le sue colorite uscite ( cose del tipo “ Datevi fuoco bastardi!” o “ Sciacquati la bocca , coglione!”) che per la musica proposta, sebbene abbia militato in una band quasi di culto : i Vanadium. Quindi, detto questo, ero molto incuriosito riguardo a ciò che avrei trovato in questo disco.
Per quanto riguarda l’aspetto musicale troverete cinque brani di famosissimi cantanti italiani, come Celentano (di cui la rivisitazione di Svalutation ricorda, se non copia palesemente Detroit Rock City dei Kiss), una potente e divertentissima versione di E se ci Diranno di Luigi Tenco, mentre sul fronte straniero spiccano le interpretazioni di Still Got The Blues del compianto e sottovalutato Gary Moore o Still Raising Hell di Ted Nugent.
Dal punto di vista strumentale traspare subito una grande energia, unita ad una sincera passione e trasporto nel suonare i pezzi proposti. I brani sembrano possedere una nuova freschezza e convincono al primo ascolto.
I due inediti, rispettivamente La Resa dei Conti (Kiss My Ass) e Rock N’ Roll core rispecchiano fondamentalmente i due marchi di fabbrica del cantante italiano: la denuncia sociale e la passione per il rock.
Devo dire tirando le somme, alla fine dell’album, mi è rimasta l’impressione di un lavoro piacevole, gustoso, da ascoltare ad alto volume durante l’estate in modo spensierato, ma nulla di più.

Track by Track
  1. La resa dei conti (Kiss My Ass) 70
  2. Il Chitarrista 70
  3. E se ci Diranno 70
  4. Povera Patria 70
  5. Svalutation 70
  6. E' Arrivata La Bufera 70
  7. Rock N' Roll Core 70
  8. Heartbreak Hotel 70
  9. Stone Dead Forever 70
  10. Still Got The Blues 75
  11. Still Raising Hell 70
  12. Hoochie Coochie Man 70
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 65
  • Tecnica: 75
Giudizio Finale
70

 

Recensione di Papi » pubblicata il 06.07.2014. Articolo letto 1391 volte.

 

Articoli Correlati

News
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.