Disease «Burning Memories» (2003)

Disease «Burning Memories» | MetalWave.it Recensioni Autore:
HAUNTED »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
2361

 

Band:
Disease
[MetalWave] Invia una email a Disease [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Disease [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Disease [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Disease [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Disease

 

Titolo:
Burning Memories

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Flavio Tempesta - voce+chitarra
Marco Mastruzzi - chitarra
Leonardo Orazi - basso
Massimo Tempesta - batteria

 

Genere:

 

Durata:
1h 6' 5"

 

Formato:

 

Data di Uscita:
2003

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Eccomi qui dopo l’ascolto di questa raccolta di demo dei Disease band decisamente moooooolto valida!!! Ebbene... che dire... questi giovanotti ormai formatisi 10 anni fa son cresciuti pane Slayer, Dark Angel, Manowar e quanto di meglio offriva la scena metal negli anni ’80 e non lo nascondono di sicuro dato come suonano :) . Il disco è veramente bello fin dalle prime tracce risalenti al primo periodo fino alle ultime qui registrate (il demo è del 2001), alterna molto bene un thrash death a accenni molto heavy a livello vocale. Molto belli i suoni degli strumenti soprattutto la batteria che ha un ottimo tiro e da un certo peso a tutte le canzoni (senza levar niente a tutti i musicisti che sono bravissimi); altro punto di forza è la voce versatilissima come possiamo sentire sulla traccia 4: “Will I Embrace Again” una ballata melodica (almeno per i primi minuti della canzone.. hehehehe) che stacca molto dal resto delle canzoni ma che incide molto sulla versatilià e abilità della band soprattutto come già detto a livello canoro.
Basi decisamente Thrasheggianti per la gran parte delle canzoni dunque. Le chitarre hanno ottima tecnica ma il volume è spesso troppo alto e copre un po altri suoni, ma tenendo lo stereo a livelli umani è sopportabile ehhehehe.
Col passare dgli anni e dei demo si sente sempre di più la tecnica e soprattutto la sintonia delle canzoni e dei musicisti che sono molto piu’ coordinati. Segni di una maturià musicale che ha portato al band a essere anche piu’ conosciuti e sicuramente piu’ apprezzata nel territorio nazionale.
Buona impressione insomma quella che mi han dato questi baldi giovani di cui nn c’è dubbio che ne risentiremo parlare (anche perchè continuano a sfornare materiale e a suonare dal vivo....). Se capitano nella vostra città andate a vederli e supportiamo la scena underground! Beh.. che altro dire... non so ascoltateli e fatemi sapere!!

Track by Track
  1. Empowering From Chaos 75
  2. Odium – The First Time 80
  3. Mass Immolation 85
  4. Will I Embrace Again 90
  5. Awake, Shine, Erase 83
  6. Isis White Gaze 79
  7. Empty Handed Enemy 82
  8. Mind Escape 86
  9. Intro + Scarred 84
  10. N.P.N 78
  11. Hypocrisy 82
  12. Noble Knight 90
  13. Re-Scarred (brutal re-mix) 87
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 86
  • Qualità Artwork: 80
  • Originalità: 88
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
83

 

Recensione di HAUNTED » pubblicata il --. Articolo letto 2361 volte.

 

Articoli Correlati

News
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.