Subcortical Inertia «Promo 2013» (2013)

Subcortical Inertia «Promo 2013» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Papi »

 

Recensione Pubblicata il:
18.05.2014

 

Visualizzazioni:
1291

 

Band:
Subcortical Inertia
[MetalWave] Invia una email a Subcortical Inertia [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Subcortical Inertia [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Subcortical Inertia

 

Titolo:
Promo 2013

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Luca 'TK' Toccaceli - Guitar/Vocals/Keys & Loops
Giulio Burini - Drums
Maurizio Cugno - Growls
Mattia Giorgetti - Guitar
Gabriele Farani - Bass
Lorenzo Natalini - Keyboard

 

Genere:
Industrial / MetalCore

 

Durata:
10' 36"

 

Formato:
Promo CD

 

Data di Uscita:
2013

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Da quello che emerge in questo brevissimo Ep di due brani di questa band natia di Perugia, i Subcortical Inertia sono essenzialmente debitori al sound di Meshuggah, Periphery e Strapping Young Lad. Tuttavia i Nostri prendono il meglio delle band citate e rimescolano il tutto in uno stile personale, aiutati anche dall’utilizzo delle tastiere, presenti però solo per creare tappeti con sporadici accenni all’elettronica in sottofondo .
In questa breve prova in studio abbiamo quindi le chitarre ribassate e pesanti come macigni che creano un muro di riff claustrofobico, la batteria che si alterna tra stacchi di doppio pedale (specialmente nei refrain) e breakdown opprimenti e, la consueta alternanza tra voce urlata in stile Meshuggah e clean vocals che ricorderanno ai più alcune cose di Devin Towsend e della band di Spencer Sotelo.

Il primo brano, Circles, si apre con chitarroni grumosi e spessi e una batteria incalzante, base solidissima su cui si alternano le liriche che, come ho accennato, alternano scream e growl e puliti piacevoli.
Il secondo brano, Blindly, segue la falsariga della prima canzone, presentando quasi le stesse caratteristiche, ma con una maggiore attenzione ai momenti carichi di groove e pesantezza sonora, ad esempio, come nel breakdown centrale.
In ultimo, sebbene sia un brevissimo EP di esordio, la produzione è decisamente di ottimo livello, dal momento che mette in evidenza tutti gli strumenti e permette un ascolto scorrevole.
Poiché il materiale fornito è estremamente ridotto, solo due canzoni, ho deciso di non dare nessun voto, ma di lasciare a voi il compito di un giudizio personale in vista di qualcosa di più sostanzioso.

Track by Track
  1. Circles S.V.
  2. Blindly S.V.
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 65
Giudizio Finale
69

 

Recensione di Papi » pubblicata il 18.05.2014. Articolo letto 1291 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.