Hellbound «Outlaws» (2013)

Hellbound «Outlaws» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Dust »

 

Recensione Pubblicata il:
14.04.2014

 

Visualizzazioni:
1147

 

Band:
Hellbound
[MetalWave] Invia una email a Hellbound [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Hellbound [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Hellbound

 

Titolo:
Outlaws

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Tronko - Vocals
Diego - Guitar
Fala - Bass
Marchino - Drums & Backing Vocals

 

Genere:
Southern groove metal

 

Durata:
20' 31"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2013

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

La band romagnola Hellbound, nata all’inizio come cover band Pantera, decide di fare il grande passo come fanno molti altri cioè, iniziare a comporre pezzi propri; l’attaccamento alla sopra citata band si fa sentire quanto meno per il genere proposto, Southern Metal/Groove che però poco ha a che vedere con il gruppo americano, mantenendo caratteristiche personali e originali senza cadere in noiosi copiaticci risentiti.
L’EP “Outlaw”che possiamo ascoltare, ci propone solo 5 brani, che in effetti sono un po’ pochi per avere un’idea chiara del songwriting che contraddistingue gli Hellbound, ma ad ogni modo questi ragazzi fanno sul serio e attraverso una ottima alternanza di elementi Groove ben pensati e Stoner, il risultato è veramente interessate.
Come già anticipato, non si tratta di un full length, quindi qualità audio e precisione non sono proprio di grande livello; forse anche per questo motivo preferisco le caratteristiche più Sludge/Stoner che i ragazzi hanno da offrire, dove ritmi lenti, linee che si intrecciano vengono messe in risalto creando un sound potente. Le sonorità presentate sono comunque molto varie, alcune estremamente malinconiche come “Through The River” con l’aggiunta di un pianoforte, altre molto più groovy, grezze e dirette.
Purtroppo nelle ritmiche più incalzanti queste caratteristiche si perdono tra imprecisioni di esecuzione e varie incertezze che rendono l’ascolto molto meno fluido; attraverso un lavoro più rigoroso in studio sono sicuro che anche sotto questo fronte la band avrà parecchie altre frecce a disposizione.
Per l’artwork purtroppo siamo in alto mare; ok presentare grafiche semplici trattandosi di poco più che un demo, ma credo sia decisamente sotto la media di quello che ho avuto modo di vedere in simili contesti, anche perché va sottolineato la serietà e la professionalità con cui la band ha presentato il proprio press kit, cosa che purtroppo pochissime band fanno (oltre tutto sembra una abitudine che sta prendendo piede anche tra parecchie promotion/label). Complessivamente promuoviamo assolutamente la band, sperando di sentire presto un lavoro completo curando una produzione ai livelli che merita la band non possiamo che consigliare di tenere sott’occhio questi ragazzi se amate il Souther/Groove.

Track by Track
  1. The Sun Over the Fields 65
  2. Ride Free 70
  3. Grey 65
  4. Outlaw 65
  5. Through the River 70
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 65
  • Qualità Artwork: 50
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
64

 

Recensione di Dust » pubblicata il 14.04.2014. Articolo letto 1147 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.