The Marigold «Divisional» (2004)

The Marigold «Divisional» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Alez »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
431

 

Band:
The Marigold
[MetalWave] Invia una email a The Marigold [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di The Marigold [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di The Marigold

 

Titolo:
Divisional

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Marco Campitelli - voce, chitarra, tastiere, 6strinbass, noises, samples
Stefano Micolucci - bass
Giovanni Lanci - batteria, percussioni

 

Genere:

 

Durata:
39' 7"

 

Formato:

 

Data di Uscita:
2004

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Devo dire che questo cd ha camperato nella mia macchina per svariati mesi... ogni volta che lo mettevo su e lo ascoltavo pensando a cosa scrivere, mi accorgevo di qualcosa di nuovo.
A vederlo dalla copertina ricorda molto Bleach dei Nirvana, e ascoltandolo devo dire che tali influenze ci sono tutte. Il titolo invece mi ricorda un non sò che di Tooliano ... mi ronza in mente la parola Dissectional ...
Parte il primo pezzo: un suono grezzo, sporco, chitarre scure e atomsfere decisamente non allegre, una voce che si incastra senza fare troppo la differenza. La malinconia prende il sopravvento durante tutta la durata del disco. Alcuni pasaggi non convincono fino in fondo, forse peccando un pò di superficilaità e rimanendo piuttosto anonimi. Voci dilatate e melodie dissonanti ricamano il tutto, ma ricordano troppo a mio avviso alcuni grandi che sarebbe il caso non seguire troppo, non fosse altro che per il loro modo unico di cantare (Smith e Keenan in primis).
Il disco scivola fino alla fine senza lasciare troppo il segno. Molte le idee che si intravedono nei pezzi, ma nulla di sconvolgentemente nuovo. Persino alcuni momenti molto Helmet (da me piuttosto apprezzati) stentano a convincere fino in fondo.
Il giudizio finale non è cmq negativo: bella come prova d'esordio, ma priva di quel pizzico di originalità che avrebbe fatto la differenza.

Track by Track
  1. The Bodypart 60
  2. Melanie 60
  3. Tried 60
  4. Nada 60
  5. Coercive Mind 70
  6. Divisional 60
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 60
  • Qualità Artwork: 40
  • Originalità: 60
  • Tecnica: 60
Giudizio Finale
59

 

Recensione di Alez » pubblicata il --. Articolo letto 431 volte.

 

Articoli Correlati

Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.