Fear of Fours «Never heaven» (2005)

Fear Of Fours «Never Heaven» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Il_corinzio »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
678

 

Band:
Fear of Fours
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Fear of Fours [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Fear of Fours

 

Titolo:
Never heaven

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Giulio Bogoni :: Keyboards
Andrea Martongelli :: Lead guitars
Mirko Nosari :: Vocals/Rhythm giutars
Lucio Piccioli :: Bass
Marco Piran :: Drums
Gianmaria Carneri :: Guest vocals
Jeez :: Guest growl vocal

 

Genere:

 

Durata:
14' 50"

 

Formato:

 

Data di Uscita:
2005

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Il progetto Fear of Fours nasce dall’incontro avvenuto nell’estate del 2004, tra musicisti provenienti da diffirenti bands note nel panorama nazionale (Arthemis, Power Quest, Mothercare, Promised Lie, Aneurysm).
Nel dicembre 2005 i Fear Of Fours entrano in studio per registrare i primi brani che andranno a comporre “Never Heaven”, album di prossima produzione.
Le esperienze musicali più disparate convergono in questo progetto, ciò rende difficile la catalogazione di questo promo, ma allo stesso tempo rende forte la personalità della proposta stessa; una sorta di Death Metal melodico fortemente infuenzato dal Rock Progressivo, immaginate di avere in una sola band, la classe dei Queensryche, la ricercatezza musicale dei Procupine Tree accompagnate da violente sferzate nel più classico Death style.
La prima track “of the Things that have yet to come” è la sintesi perfetta di quanto detto sopra, umori sonori diversi vanno a creare una song dove si passa da suadenti binomi: clean vocals/chitarre pulite a riffs serrati e chirurgici, il tutto dona alla composiozione un senso di tensione crescente che culmina con il venire in primo piano di un cantato growl che fa dell’aggressione il proprio punto di forza.
Delicata e melanconica, l’acustica “Home” si rivela un brano in cui i Fear Of Fours mostrano una maturità fuori dal comune, bellissime le fughe pianistiche dal sapore vagamente Jazz, e le vocals calde e morbide.
Lo spettro dei Pink Floyd, fa capolino, nelle vocals filtrate della conclusiva “Blind” ove ai suddetti momenti raccolti ed intimi si sovrappongono ferocissimi assalti frontali, mai superflui o fine a se stessi, volti a raggiungere un equlibrio fatto di contrasti dove ogni singola sfaccettatura tende ad armonizzare e a non sopraffare l’altra.
Un piccolo gioiello questo promo dei Fear Of Fours accompagnato da una buona produzione,(si tratta di rough mix) che fa sperare davvero bene per la realizzazione del full-lenght e credetemi se le premesse sono queste ci troveremo di fronte ad un vero è proprio capolavoro.

Track by Track
  1. ...of the Things that have yet to come 85
  2. Home 90
  3. Blind 90
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 85
  • Qualità Artwork: 85
  • Originalità: 90
  • Tecnica: 85
Giudizio Finale
87

 

Recensione di Il_corinzio » pubblicata il --. Articolo letto 678 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.