Edain «Of Those Who Worship Fire» (2013)

Edain «Of Those Who Worship Fire» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
09.01.2014

 

Visualizzazioni:
548

 

Band:
Edain
[MetalWave] Invia una email a Edain [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Edain [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Edain [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Edain

 

Titolo:
Of Those Who Worship Fire

 

Nazione:
Repubblica Ceca

 

Formazione:
Zdeněk Záhora :: Bass
Jiři Staněk :: Drums
Pavel Jeřábek :: Guitars
Martin Brňovják :: Vocals
František Záhora :: Guitars

 

Genere:
Progressive Metal

 

Durata:
28' 44"

 

Formato:
EP

 

Data di Uscita:
07.05.2013

 

Etichetta:
Zero Budget Productions
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Zero Budget Productions [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Zero Budget Productions

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

E ritornano I cechi Edain, band Progressive metal che nella mitteleuropa ha saputo abbastanza far parlare di sé a causa di un album di debutto buono. Il ritorno in questione è dato con questo EP (sarà anche citato come full length, ma le 6 tracce non arrivano ai 29 minuti di tempo) chiamato “Of those who worship the fire”, e che parla di teorie cospirazioniste.
Ora, se vi aspettate un album progressive nel senso classico, sappiate che qui rimarrete abbastanza delusi. Questo è un album progressive ma comunque ancorato nel metal estremo, e alcune digressioni jazz non bastano per spostare l’audience. Aggiungete un forte amore per i Voivod e avrete ottenuto questo Ep, che ha il grosso del suo minutaggio nella prima canzone, astratta e stralunata, e nell’ultima canzone, più tipicamente bilanciata tra influenze prog e metal, che richiama il primo album di questa band. Il resto dei brani di mezzo sono quasi tutti, tranne uno, strumentali e anche qui si pesca a larghe mani dal jazz, genere che davvero caratterizza questo gruppo.
Il fatto di essere una release completa rende l’ascolto di questo disco facile e godibile, ma anche con un minimo di spiazzamento perché è comunque corto e necessita di più brani per renderlo ancora più appetibile. Si spera dunque in una nuova release più lunga e dimostrativa del potenziale degli Edain. Nel frattempo, il disco è consigliato agli amanti del metal tecnico e thrasheggiante, soprattutto che vogliono sentire una chitarra solista sempre in tiro e carica come si deve.

Track by Track
  1. Blood as an anaesthetic 75
  2. Critic Intelligence I 70
  3. Critic Intelligence II 70
  4. Of elements and men 70
  5. On the cold floor 70
  6. Silent weapons for silent wars 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 75
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
72

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 09.01.2014. Articolo letto 548 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.