Presences «Mutation Of The Wooded Creatures» (2004)

Presences «Mutation Of The Wooded Creatures» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Lord Lucyfer »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
1534

 

Band:
Presences
[MetalWave] Invia una email a Presences [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Presences [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Presences

 

Titolo:
Mutation Of The Wooded Creatures

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Algeroth - voce
Icaros - chitarra
Slaanesh - chitarra & tastiere
Gariel - basso
Valac - batteria

 

Genere:

 

Durata:
59' 9"

 

Formato:

 

Data di Uscita:
2004

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Sono solito difendere a spada tratta le bands della nostrana scena Black, con occhio di riguardo se sono bands che propongono Black Old Style, ma non ho mai disprezzato il lato più sinfonico del genere. Ma stavolta non posso esimermi dal rimandare i Presences, band che, come ho letto dalla bio presente nel sito ufficiale, è nata nel 2002 facendo proprio BMOS. Questo che sto per recensire, invece, trattasi di "Mutation Of The Wooded Creatures ", primo album per i Presences, di mediocre e dozzinale Black Metal con inserti tastieristici (che almeno hanno il pregio di non fotocopiare i Dimmu Borgir), suonato in maniera quasi scialba, priva di mordente e con tastiere che, vi dirò, non riesco nemmeno a capire se sono troppo in risalto o si sentono troppo poco!
Davvero, non riesco a trovare un solo punto a favore in questo lavoro, troppo attaccato ai clichè del genere, a partire dall'artwork (anche se devo dire che tutto sommato almeno la copertina non è male), fino ai titoli e all'attitudine: tutto troppo freddo, dal sapore troppo norvegese.
Qualcosina di giusto un pò più diverso lo si sente in "Imperial Legion of Thor", che raggunge la sufficienza rispetto agli altri pezzi del disco, ma che comunque non potrebbe competere con altri proposto da altri gruppi italici.
Insomma, ripeto che non boccio i Presences, anche perchè raramente mi è capitato di dover per forza bocciare una band, li sto solo rimandando: qualcosina sotto sotto c'è. Ma devono rimboccarsi le maniche e tirarlo fuori. Ormai è inutile "scimmiottare" la bands scandinave. Se si vuole avere un punto di riferimento, molto meglio scegliere gli Spite Extreme Wings, che hanno fanculizzato la teoria de "l'unico Black Metal buono è quello scandinavo", per dar vita ad un sound del tutto personale. Se loro sono additati come la prima vera band di True Italian Black Metal un motivo ci sarà. Per quel che concerne i Presences, come detto, devono rimboccarsi le maniche, e cercare una loro personalità. Per adesso, c'è solo piattume, mi spiace.

Track by Track
  1. Primordial Time of the Black Earth 40
  2. Demon of the Mystic Forest 50
  3. Wind of Silence in Frost 45
  4. The Last Lord of the Frozen Mountain 45
  5. Imperial Legion of Thor 55
  6. The Legend of (the) Immortal Progeny 45
  7. In the Abyss of the Wood 50
  8. Dawn of the Nightdominion 45
  9. Lord of the wooded Creatures 50
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 50
  • Qualità Artwork: 50
  • Originalità: 30
  • Tecnica: 45
Giudizio Finale
46

 

Recensione di Lord Lucyfer » pubblicata il --. Articolo letto 1534 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.