Muculords «Carpe Diem» (2005)

Muculords «Carpe Diem» | MetalWave.it Recensioni Autore:
BurdeN »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
512

 

Band:
Muculords
[MetalWave] Invia una email a Muculords [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Muculords [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Muculords

 

Titolo:
Carpe Diem

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Torcicolon : chitarra
Scrotum : batteria
Genital Erpes : chitarra
Gengivitis : basso
Diarreus : voce
Anno Domini : voce

 

Genere:

 

Durata:
46' 18"

 

Formato:

 

Data di Uscita:
2005

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Questi sono matti, ma nel vero senso della parola intendo, la proposta è semplice, diretta, putrida, arricchita da spunti ironici all’limite del dissacrante, “Gorebaciov” dice nulla…?
Beh facile intuire il genere musicale della band, grindcore, e per quanto mi riguarda anche di buona fattura, canzoni brevi (come da regola) ma che riescono a dire tutto, grazie a riffs di chitarra che rimangono ben impressi nella mente dell’ascoltatore, niente di innovativo ci mancherebbe, però l’atmosfera che regna sovrana è paragonabile a quando si fa una bella mangiata, ci si sente appagati, pieni.
Ulteriore punto a favore dei Muculords proviene senza dubbio dalla produzione, ruvida ma altrettanto stracolma di groove, tanto basta per rendere il tutto bello marcio e profondo come uno squarcio nella carotide, vabbeh ricomponiamoci prima che scada in un’inutile escalation di descrizioni al limite dello splatter/gore più truce e pacchiano, torniamo alla normalità.
Questo “Carpe Diem” è un buon prodotto per gli amanti del metal estremo e ottimo per tutti coloro che vivono prettamente di sonorità come il grind/brutal, o meglio per tutte quelle persone che non fanno di certo dell’originalità il proprio stile di vita, ma della qualità si, senza ombra di dubbio.
Credo sia inutile in casi del genere perdersi dietro track by track interminabili, visto anche il genere in se, 27 canzoni mi sembrano anche sotto la media, c’è di peggio, ecco perché preferisco dire le cose chiare e in modo diretto, Grindcore! Prendere o lasciare, alla maniera del Muco!
Insieme a i Viscera un’altra bella sorpresa, confido in futuro ancor più folle…

Track by Track
  1. Supermassacro 60
  2. 40 + Pedro Intro 65
  3. Brutulords 65
  4. Meganuova 70
  5. Manentulord 70
  6. Gorebaciov _
  7. Trifolated by Ventilator 65
  8. Carpgrinder 2 75
  9. Black&Decker 75
  10. Sanguineos Grumus de'Bagoin in the Plaza 65
  11. Mass-Corp-One 65
  12. Mucum p.i. _
  13. Consequence 60
  14. Bacchetta nel Pistolino _
  15. Zolla Impazzita _
  16. Il Nano Fritto 65
  17. Sick & Gore Romagna Grind-Core 75
  18. Naghe _
  19. Satan Spawn, the Cacopepode 75
  20. Cepli 60
  21. Glen Grind 70
  22. Ccacca 60
  23. Ohi 70
  24. Cem (r.i.p.) 60
  25. Retromarch _
  26. Pedro inc. _
  27. Ghost Track _
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 80
  • Originalità: 65
  • Tecnica: 60
Giudizio Finale
67

 

Recensione di BurdeN » pubblicata il --. Articolo letto 512 volte.

 

Articoli Correlati

Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.