Caelestis «Heliocardio» (2013)

Caelestis «Heliocardio» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Carnival Creation »

 

Recensione Pubblicata il:
01.11.2013

 

Visualizzazioni:
1285

 

Band:
Caelestis
[MetalWave] Invia una email a Caelestis [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Caelestis [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Caelestis [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Caelestis [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Caelestis [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Caelestis [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Caelestis

 

Titolo:
Heliocardio

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Vera Clinco - Vocals
Cataldo Cappiello - Songwriting, Guitars
Flavio Staiano – Drums

 

Genere:
Experimental / Post Ambient / Electronic / New Age / Post-rock / Melodic

 

Durata:
29' 52"

 

Formato:
EP

 

Data di Uscita:
01.09.2013

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Abbiamo visto il musicista Cataldo Cappiello con il progetto Caelestis nel 2011 in ‘When The Moon Dreams’ e poi di nuovo l’anno successivo in ‘Nel Suo Perduto Nimbo’, partendo come one-man-band. La mia collega recensì il tutto in modo piuttosto entusiasta. Dato che fino ad oggi non avevo mai ascoltato nemmeno una nota dei Caelestis mi son messo in pari e ho fatto mente locale, altrimenti questo ultimo ‘Heliocardio’ mi sarebbe rimasto estraneo ad una approfondita comprensione.
Ecco il mio pensiero: fintanto che ‘Caelestis’ è rimasta una creatura composta da un unico elemento ho trovato piacevoli momenti, sperimentazione anche discreta, una ricerca della melodia di tutto rispetto e sommariamente sia ‘When The Moon Dreams’ che ‘Nel Suo Perduto Nimbo’ sono considerabili album discreti. Non posso però pensare lo stesso di ‘Heliocardio’, platter, come si suol dire, di passaggio, di transizione; materiale che inizia ad allargare le vedute e che, a mio modestissimo parere, ancora troppo immaturo per fare il grande salto. Va detto che il passaggio da one-man-band a band a tutti gli effetti porta inevitabili stravolgimenti e l’ingresso del batterista Flavio Staiano e della cantante Vera Clinco hanno creato un bel po’ di cambiamenti.
Se la ricerca e la sperimentazione sono rimaste inossidabili (e in quest’occasione si sono leggermente ripulite da passate distorsioni), il tutto purtroppo però ha acquistato una venatura piatta e melensa che alle lunghe crea un tedio insopportabile, specialmente pezzi come ‘Fenice’ o ‘Io e Te Siamo La Luna’ che avrebbero dovuto essere, almeno dal punto di vista delle voci, meno bidimensionale e forse più votata a rendere dinamiche delle atmosfere già di per sé monotematiche: gli accordi della prima traccia suggeriscono qualcosa di minimale ma senza delle voci più energiche il tutto resta relegato in una dimensione negativa a mio gusto.
‘Heliocardio’ però non è solo un disco di transizione: ci sono fortunate conferme, come il buon ‘Crollano Le Stelle’ in cui addirittura avvengono cenni ad un Heavy Metal melodico e la riuscita cover di Red Sky ‘E Poi Silenzio - Part II’ in cui mostrano un tributo tutto sommato fatto bene.
Forse non ci troviamo di fronte ad un disco che è andato troppo avanti, semmai l’opposto ma se lo ha fatto ci saranno delle motivazioni riscontrabili, ripeto, nella scelta di far evolvere un progetto portando nuovi elementi.
La bravura di Cappiello non si discute e nemmeno le buone idee che ha avuto in fase di songwriting, forse il mio punto di vista riguarda la produzione in generale, delle ritmiche più convinte e un maggiore lavoro sulle vocals. Non da cestinare comunque.

Track by Track
  1. Io E Te Siamo La Luna 55
  2. Crollano Le Stelle 70
  3. Anatomia Spaziale 60
  4. Fenice 50
  5. E Poi Silenzio - Part II (Red Sky Cover) 65
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 60
  • Tecnica: 65
Giudizio Finale
63

 

Recensione di Carnival Creation » pubblicata il 01.11.2013. Articolo letto 1285 volte.

 

Articoli Correlati

News
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.